Ci dispiace che Lukaku sia “l’unica vittima”

Ci dispiace che Lukaku sia “l’unica vittima”

L’Inter ha espresso rammarico venerdì per il suo attaccante Romelu Lukakuuna “vittima” di insulti razzisti, è diventato “l’unico colpevole” dopo aver confermato il suo commento mentre colpiva un pulpito Juventus è stato archiviato. L’Inter “è profondamente dispiaciuta di constatare che la vittima è diventata l’unica responsabile”. comunicazione Mentre la Corte d’Appello della Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) ha confermato la sospensione della partita inflitta al giocatore belga, Ha ammonito per la seconda volta dopo aver festeggiato il suo gol sotto grida razziste.

I tifosi del Torino sono presenti contro il Napoli

Mercoledì il club torinese ha ottenuto dalla stessa corte d’appello l’annullamento della chiusura parziale del proprio stadio. L’anfiteatro in questione, con circa 4.500 posti, potrebbe essere aperto al pubblico domenica sera per la partita della 31esima giornata di Serie A contro la capolista Napoli. Lukaku sarà squalificato per la rivincita della semifinale di Coppa Italia di mercoledì. La Juventus ha presentato ricorso sostenendo che i suoi sforzi per identificare e punire i tifosi che hanno perpetrato urla a Lukaku durante una partita di Coppa Italia non sono stati presi in considerazione. Il nazionale belga è stato oggetto di insulti razzisti quando ha pareggiato con un calcio di rigore negli ultimi minuti dell’andata della semifinale (1-1), secondo diversi videoclip.

Lukaku è sostenuto da Mbappe

La Serie A, che organizza la Coppa Italia, aveva addotto come giustificazione della sanzione iniziale che “la maggior parte dei tifosi” che occupavano il settore aveva fatto cori razzisti. Lukaku è stato escluso per la seconda ammonizione dopo aver festeggiato il suo gol davanti alla tribuna dei tifosi del Torino con il dito in bocca. L’Inter ha anche presentato ricorso contro la squalifica del suo giocatore.
Questo nuovo episodio di razzismo in uno stadio italiano ha provocato molte reazioni nel Paese ma anche all’estero, in particolare da parte dei francesi. Kylian Mbappe O il presidente della FIFA Gianni Infantino. E scriveva su Instagram Lukaku, riferendosi ai precedenti sfoghi razzisti contro di lui a Cagliari, nel settembre 2019, “La storia si ripete. (…) Spero che la Lega questa volta agisca davvero”, in modo che non sia stata punita.

READ  Il colombiano Egan Bernal gira in tour in Italia

L’articolo originale è stato pubblicato su RMC Sport

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *