“Christophe Quelque Chose” o una sottile miscela di scienza, teatro e magia

Un ex neuroscienziato specializzato in disturbi della memoria, Christoph Eates, 42 anni, è venuto quella sera per presentare al pubblico il suo nuovo lavoro. Scegli Christoph Quelk – Dietro le quinte. Una scrivania, qualche copia del suo libro, un grosso registratore a due nastri, qui inizia il suo discorso, un po’ titubante, un po’ imbarazzato. Spiega che voleva capire la formazione della nostra identità personale o intima. “Il nostro cervello può essere riconfigurato in base al nostro ambiente”. Questo è chiamato “plasticità del cervello”. Per sviluppare il suo punto, si affida alle condizioni della paziente, Jane Licht, un’ex attrice. Dopo aver subito un intervento chirurgico per un tumore al cervello, Jane ha perso la memoria. Il cerchio dei bambini è danneggiato: non può più creare ricordi. Ad esempio, non poteva più accedere a ciò che era appena successo dieci minuti prima. È congelata nel passato: pensa di avere 27 anni quando ne ha…44.

Mentre Christoph Eats trasmette estratti dalle registrazioni che ha fatto con Jane, a poco a poco, i suoi ricordi di lei, di ciò con cui ha vissuto, lasciano che le catene del registratore si materializzino. Immergi il pubblico nella realtà del passato condiviso di questo terapeuta e del suo paziente che si sono innamorati e si sono sposati.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *