Chili, l’amico che ti vuole (un po’) bene

I ricercatori canadesi sono interessati ai benefici del peperoncino. La capsaicina può avere molti vantaggi sotto forma di crema o assumendola direttamente.

Qualunque sia il suo nome, il peperoncino ha sempre il suo (grande) effetto. Una persona che può essere chiamata abanero, cayenne, jalapeno, poblano o uccello è molto calda in bocca. La scala di Scoville misura l’intensità del calore. Ma oltre all’aspetto puramente gustativo, questo peperone può avere alcuni vantaggi curativi.

in Canada, Ricercatori dell’Università di Montreal (UdeM) Erano interessati a un composto specifico: la capsaicina. Si trova nella parete interna del peperone ed è responsabile della sensazione di bruciore in bocca. Infatti, la quantità di capsaicina misura la forza dei peperoni rossi.

crema per il dolore

I ricercatori dell’Università di Montreal suggeriscono che la capsaicina, disponibile sotto forma di crema applicata sulla pelle, aiuta ad alleviare parte del dolore da artrite o del dolore associato alla nevralgia posterpetica, una frequente complicazione dell’herpes zoster. Buono a sapersi: La crema tende a provocare una sensazione di bruciore, arrossamento localizzato e infiammazione quando applicata. “Questo può sembrare davvero contraddittorio. In qualche modo combattiamo il fuoco con il fuocoLo conferma Regin Couture, professore presso il Dipartimento di Farmacologia e Fisiologia dell’Università di Montreal e specialista in recettori del dolore.

In particolare, il professor Couture dimostra che la capsaicina attiva i recettori del dolore situati all’estremità periferica dei neuroni sensoriali della pelle (fibre C). Questi recettori del dolore, una volta stimolati con un eccesso di capsaicina (grazie all’applicazione della crema), permettono alle fibre C di svuotarsi di tutti i neuromodulatori preposti a dirigere il dolore al cervello. “In breve, sensibilizziamo eccessivamente il dispositivo per desensibilizzare e quindi calmare il dolore causato dal virus dell’herpes zoster o da altri tipi di infezioni nervose che coinvolgono le fibre C.‘ riassume il professor Couture.

READ  Centinaia di lavoratori a Sart Tillmann e pochissimi #mezzipubblici

morte cellulare programmata

È anche possibile utilizzare questa molecola… mangiandola. In questo caso, è poi noto per le sue proprietà antiossidanti, anticancerogene e antibatteriche, spiega Valerie Marcel, professoressa nel dipartimento di nutrizione dell’UdeM. “In primo luogo, la capsaicina può influenzare il ciclo di vita delle cellule tumorali promuovendo l’apoptosi o la morte cellulare programmata. Spesso, questo meccanismo non funziona più normalmente nelle cellule tumorali. Sopravvivono e si riproducono, mentre avrebbero dovuto essere distrutti dalla morte cellulare programmata. Ma la capsaicina ha il vantaggio di partecipare alla distruzione di alcuni. Quindi, la molecola avrà proprietà antibatteriche, come un aumento del dispendio energetico e una sensazione di sazietà.“.

Se la promessa è intrigante, non è nemmeno una panacea, avverte il ricercatore e che sono necessari altri studi per confermare gli effetti benefici nell’uomo. “È lo stesso per tutti i nutrienti. Quotidianamente, non mangiamo sostanze nutritive, mangiamo cibo. Inoltre, il cibo non è una medicina. Il suo potere deve essere messo in prospettiva, perché i suoi veri effetti sono spesso il risultato di una combinazione di fattori“.

Video – Health Book – Dr. Christian Recchia: “Il polso è il re degli alimenti, sono innumerevoli antiossidanti”

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.