Chi sono gli atleti che hanno maggiori probabilità di scottarsi durante le Olimpiadi?

I ricercatori hanno calcolato l’esposizione ai raggi UV degli atleti in base allo sport, alle condizioni meteorologiche, alla durata dell’evento, all’abbigliamento o persino al candore della superficie. Il verdetto: i giocatori di tennis hanno maggiori probabilità di subire gravi scottature.

La temperatura ha ormai superato i 35 gradi centigradi a Tokyo e a metà giornata, Indice UV Supera il livello 9. Oltre al rischio di disturbo associato il calore (Ad esempio, la tennista spagnola Paula Padusa ha dovuto lasciare il campo dopo un colpo di calore), alcuni atleti sono particolarmente vulnerabili agli infortuni colpo di sole. Così, un team di ricercatori australiani ha calcolatoEsposizione ai raggi UV i suoi partecipanti giochi Olimpici Tokyo durante la competizione. Non meno di 144 eventi in 20 discipline di sport all’aria aperta aria E così è stato vagliato a fondo.

I ricercatori hanno considerato molti fattori, tra cui Durata Ho trascorso all’aperto, il luogo dell’evento (eventi velici che si svolgono ad esempio a Enoshima, 47 chilometri a sud-ovest dello Stadio Olimpico),Albedo La superficie (l’acqua riflette il sole più dell’erba), l’ora esatta dell’evento o la percentuale di copertura del corpo dell’atleta con l’abbigliamento (calcolata guardando le immagini video dei Giochi Olimpici di Rio 2016).

Tennis, golf e ciclismo sono gli eventi più pericolosi

Il risultato: l’evento più dannoso è il tennis di singolare femminile, con un’esposizione totale di 1.680 J/m2 A seguire il golf maschile (1.530 joule/m.)2ciclismo maschile (941 joule/m.)2). « Di tutti gli sport all’aria aperta, tennis, golf, ciclismo, pallavolo e hockey hanno il maggior potenziale di esposizione individuale.Spiegano gli autori dello studio pubblicato sulla rivista Temperatura. Ciò è dovuto a due fattori principali: la durata dell’evento e il programma della mostra. giorno. per me tennisti Alle Olimpiadi, ad esempio, la posta in gioco è significativamente alta data la possibilità per un giocatore di competere in tutti gli eventi di singolo, doppio e doppio misto. Il rischio è maggiore nelle donne, aggiungono, perché gli uomini sembrano avere maggiori probabilità di indossare un cappello e magliette con una copertura maggiore. giocatori di golf Sono vestiti meglio, la lunghissima durata dei test (più di quattro ore per turno) li rende vulnerabili ai raggi UV.

READ  Tea tree: un olio essenziale dagli innumerevoli benefici

Beach volley e bikini

I ricercatori puntano il dito anche sul beach volley». a causa delle superfici zibellino altamente riflettente e vestiti leggeri indossati dai giocatori (soprattutto le donne che giocano in bikini). Tuttavia, i rischi associati al calcio, all’hockey o al baseball, che includono un gran numero di eventi, sono mitigati da un programma di gioco meno esposto. ” Questo è particolarmente vero per calcio È in gran parte programmato da maschi e femmine di sera o di notte, rendendo questo torneo il meno esposto di qualsiasi sport di squadra. ‘, notano gli autori.

I benefici della protezione solare durante le Olimpiadi

questo è disegno Implementato a monte (tenendo conto delle condizioni meteorologiche previste a questo punto stagione) non rispecchia pienamente la realtà. ” Non abbiamo preso in considerazione alcuna protezione fornita da schermi solari, riconosce anche i ricercatori. Un’analisi più approfondita del comportamento dei concorrenti per quanto riguarda l’uso della protezione solare può ridurre significativamente la loro esposizione, in particolare durante eventi con un alto potenziale di esposizione ai raggi UV. Tuttavia, fanno notare che la forte sudorazione degli atleti rischia di far colare la crema e di ridurne gli effetti.

Nel 2019 è stato rilasciato Mondiali di atletica leggera In Qatar una vera strage tra gli atleti, che hanno legato il disagio in catene tra il caldo soffocante degli stadi (più di 42 gradi centigradi e 72% di umidità) e condizionatore Hotel estremi. Tuttavia, nessuno studio a lungo termine è stato condotto sull’incidenza di cancro della pelle tra gli atleti olimpici.

Ti interessa quello che hai appena letto?

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *