Cheat Sheet Ucraina-Francia (1-1): I Blues non possono salvare la rivoluzione

Il gioco: qual era il piano di partenza?

Gli eventi di mercoledì (o meno) e il ritmo di questa pausa internazionale hanno spinto Didier Deschamps a spostare le linee e rivedere la sua formazione iniziale sabato a Kiev. Cosa pesa di più? Non una partita bosniaca? Ritmo e stati formano ciascuno? Mettiamo una moneta sulla seconda proposta. Ad ogni modo, Didier Deschamps ha spostato le linee, con Raphael Varane e Karim Benzema relegati in panchina e sostituiti da Kurt Zouma e Anthony Martial.

“Quei blues stanno affogando in una qualche forma di gentrificazione”

Idoneo. Coppa del Mondo

Lloris: “L’euforia del dopo Mondiali è finita”

7 ore fa

Antoine Griezmann, 54esimo consecutivo in maglia azzurra, ha mantenuto il suo posto al centro di un sistema che in definitiva è diverso dal sistema 4-2-3-1 della Russia o di Lisbona (vittoria 1-0). No, l’idea ci è venuta in difesa (classico 4-3-3), meno quando lo Hab ha afferrato il pallone con Coman in corsia, spesso a sinistra, a volte a destra. E senza ego alternativo. Il risultato è un porridge di 45 minuti.

Dopo l’intervallo, i Blues si riequilibrano con Rabiot che sale un po’ e riempie regolarmente un vuoto sulla sinistra in quello che alla fine sembra più vicino ad un 4-2-3-1. Non bastava vincere. Ma per salvare punti e presenze.

Giocatori: Kimpembe sottosopra e Chuamini già in casa

I Kiev Blues hanno sofferto come Presnel Kimpembe il cui potere è chiaramente scongelato nella scelta. Antoine Griezmann resta neutrale come Kingsley Coman che ha passato la serata senza peso. Fortunatamente, l’ambiente, portato dal bravissimo Aurélien Tchouaméni e dal mascherato Adrien Rabiot, ha scosso la palma da cocco.

“Il problema più grande per la Francia è Griezmann”

Il decimo fattore: Kiev

Sarà l’aria della capitale ucraina che a malapena funziona, eh.. una sconfitta all’andata dei Mondiali 2014 (2-0). Un altro contro la Svezia a Euro 2012 (2-0) che decretò l’inizio della fine. E tre pareggi (1999, 2007 e quindi sabato sera). La Francia non ha mai vinto a Kiev.

Paese: 1829

Questo è il numero di giorni che sono trascorsi tra il primo e il secondo gol di Anthony Martial per la Francia. Il 1 settembre 2016, Manconian ha aperto le marcature in Italia (1-3). Ha (finalmente) riportato la copertina sabato 4 settembre 2021.

Tweet che “rassicurante”

Dichiarazione: Adrien Rabiot

“E’ chiaro che non possiamo accontentarci di un pareggio con l’Ucraina. Dobbiamo fare di più, dobbiamo creare di più, dobbiamo segnare di più”.

Domanda: ne siamo soddisfatti?

Se queste righe fossero state scritte in metà del tempo dell’incontro, la domanda in questo cheat sheet sarebbe stata: “Da quando il blues non è stato così importante?” E la risposta è stata la seguente: dall’inizio dell’autunno del 2013 con il ritorno a scuola più faticoso (Belgio, Georgia, Bielorussia), fino a superare il baratro con un piede e nove dita, dopo un salto in avanti contro l’Ucraina (2 -0). Per fortuna c’è stato un ritorno. Il resto, lo sappiamo dall’interno.

Didier Deschamps lo ripete abbastanza, e per una buona ragione: il calcio è una questione di equilibrio di forze. Non ha senso analizzare le prestazioni di una squadra senza guardare al valore dell’avversario. Infatti. Guardare la prestazione ucraina e sapere cosa aveva da dare, significa rendersi conto di quanto sia debole la Francia nella sua espressione.

Sabato il primo tempo è stato incomprensibile. Perché il regolamento che è stato messo in atto non sembrava molto. E perché gli undici uomini sulla terra non sembravano pronti a fare niente di buono con lei. Il secondo è stato migliore, perché il sistema ha finalmente raccolto la consistenza necessaria per mettere le cose in chiaro.

Tuttavia, dopo tre giorni di Bosnia, prestazione e risultato non possono essere sufficienti e possono essere considerati fondamentali per il progresso. Pensarci, o almeno suggerirlo, è mettersi il dito nell’occhio e anche il gomito. O anche disonestà. Questo autunno 2021 ha la falsa atmosfera del 2013, quindi le leggi in più, e se la Francia è scappata otto anni fa è perché gli azzurri si sono ribellati.

Anche in questo caso, i campioni del mondo non faranno a meno di una profonda revisione. Anche questo deve venire dal campo. Perché se Deschamps avesse la sua parte di responsabilità, i giocatori non potrebbero fare una copia del genere, quella del primo tempo in particolare. Questa squadra ha una storia e anche i suoi giocatori. È inaccettabile che non possano offrire molto, nell’espressione, nell’ordine e nell’intensità. Dà un’impressione di soddisfazione. La chiamiamo ottimizzazione. Sta al blues rivoluzionare. Altrimenti, la rivoluzione li porterà via.

Idoneo. Coppa del Mondo

Toni blues: Kimpembe sottosopra, Tchouaméni già in casa

8 ore fa

Idoneo. Coppa del Mondo

Punto, è così e non fa molto

8 ore fa

READ  Berlusconi ha consigli per Zlatan

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *