ChatGPT: “Stiamo sfumando i confini tra uomo e macchina”

ChatGPT: “Stiamo sfumando i confini tra uomo e macchina”

Con l’arrivo dell’aggiornamento “4o” al suo software di intelligenza artificiale ChatGPT, OpenAI raggiunge un nuovo traguardo tecnologico che lo rende più simile all’uomo in determinati contesti.

• Leggi anche: Gli assistenti AI di Google vogliono accompagnarti ovunque

• Leggi anche: OpenAI dà a ChatGPT nuovi superpoteri

• Leggi anche: ChatGPT: il 7% degli studenti del Quebec lo hanno già utilizzato per svolgere un compito per loro

In un’intervista con LCN, Stephane Rycoll, vicepresidente di Talsom ed esperto di economia digitale, ha spiegato che l’assistente vocale di OpenAI è ora in grado di rilevare le emozioni in modo incredibilmente rapido.

“Gli fai una domanda con un certo tono ed emozione. Dimostra che comprende i sentimenti e risponde con gli stessi sentimenti. E questo è il progresso che stiamo facendo oggi. Tutto è già in ChatGPT-4o, ma in elementi separati. Oggi hanno messo tutto insieme”.

In un esempio fornito da ChatGPT, un assistente vocale in tempo reale può aiutare un adolescente a comprendere un problema di matematica come un insegnante o un tutor.

“ChatGPT può leggere le emozioni sui loro volti e sapere se sono preoccupati, se sono felici, di tutto”, spiega l’esperto. “Attualmente il tempo di reazione dell’intelligenza artificiale è di 320 millisecondi, che è il tempo di reazione di noi umani”.

E continua: “Ci stiamo dirigendo verso qualcosa di assolutamente straordinario, meraviglioso, pericoloso e preoccupante… non lo so.” Stiamo confondendo i confini tra uomo e macchina. Onestamente. “Stiamo creando un’emozione artificiale.”

Ricoll ritiene che, se vogliono sopravvivere, le piccole e medie imprese debbano assolutamente intraprendere una trasformazione digitale che tenga conto di questi sviluppi tecnologici.

READ  TCL sembra confondere gli smartphone economici con gli smartphone più vecchi

“Penso che il rischio reale risieda nelle nostre imprese e nelle nostre PMI”, ha affermato. Oggi utilizziamo ChatGPT nelle nostre case. Domani i potenziali dipendenti vorranno utilizzare gli stessi strumenti all’interno delle aziende.

E aggiunge: “Un’azienda che non ha integrato strumenti di intelligenza artificiale si troverà ad affrontare grandi difficoltà nel reclutare persone, e la prossima generazione crescerà con strumenti di intelligenza artificiale”.

Guarda l’intervista completa nel video qui sopra.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *