ChatGPT: il ministro del digitale si oppone a un divieto in Francia

ChatGPT: il ministro del digitale si oppone a un divieto in Francia

” NO “. Questa la risposta decisa e sostenuta del Ministro Delegato per la Trasformazione Digitale, Jean-Noel Barrot, che lo ha intervistato esposizione A proposito di copiare l’Italia, che ha deciso di bloccare ChatGPT, la tecnologia di intelligenza artificiale dell’organizzazione americana OpenAI. Secondo lui, la decisione dell’autorità italiana per la protezione dei dati personali e “una cattiva risposta”.

Tuttavia, l’autorità italiana “si chiede prima di tutto se ChatGPT rispetti il ​​RGPD (General Data Protection Regulation). A mio avviso, non lo rispetta”, ha affermato Jean-Noel Barrot.Roma sottolinea inoltre che non controlla l’età Giovedì OpenAI ha affermato di voler “promuovere la trasparenza nell’uso dei dati personali”. […] e garanzie per i minori”.

avviso. Parigi non dovrebbe essere da meno e vuole “inquadrare l’innovazione in modo che sia conforme ai principi a cui aderiamo”, sviluppa il ministro delegato per la transizione digitale a La Tribune. “Quando ChatGPT ha fatto irruzione nella nostra vita quotidiana, ha assunto il controllo del Comitato nazionale sperimentale sull’etica digitale”, ricorda. Entro pochi mesi dovrebbe essere emesso un parere.

Nel vuoto, mentre detta IA potrebbe causare cambiamenti significativi, in particolare economici, all’interno delle aziende occidentali, i legislatori cercano di definire la regolamentazione. Dovrebbe essere assertivo per evitare effetti indesiderati o dovremmo scatenare l’innovazione nel tentativo di raccogliere quanti più benefici possibili?

READ  Viaggio al potere

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *