certificato. “Fumare erba ogni giorno mi rende una madre migliore.”

certificato.  “Fumare erba ogni giorno mi rende una madre migliore.”

Jardine McMillan, 40 anni, di Twishar, Scozia Anni di lotta contro il dolore cronico causato da molte malattie, tra cui la sindrome da iperattività, il lupus, la sindrome dell’intestino irritabile (IBS) e la sindrome dell’ovaio policistico (PCOS). Inizialmente, il pregabalin veniva prescritto per alleviare il dolore. Ben presto si ritrova in uno stato di depressione e letargiaSpiega che non è in grado di vivere una vita normale e nemmeno di godersi momenti semplici con i suoi figli donna.

Per sei anni Jardine seguì questo trattamento, assumendo tre pillole al giorno senza alcun reale miglioramento. “Mi sentivo insensibile e depresso, e il dolore era ancora lì“, dice. La situazione era tale che non poteva più abbracciare i suoi figli senza provare un forte dolore. Fu allora che un’amica le parlò della cannabis terapeutica.

“La cannabis terapeutica ha migliorato notevolmente la mia vita.”

Dopo approfondite ricerche e consultazioni mediche, Jardine ha deciso di ricorrere alla cannabis terapeutica.
Ottieni una prescrizione privata tramite la e-clinic Alternaleaf per € 300 al mese. Adesso usa un vaporizzatore per cannabis ogni due ore, alternando due tipi di fiori, uno per il giorno e uno per la notte.

Nel giro di sole 12 settimane ho smesso completamente di prendere Pregabalin. “La cannabis terapeutica ha migliorato notevolmente la mia vita. Posso godermi di nuovo il tempo con i miei figli“, dice. La cannabis le permette di controllare il dolore senza sentire gli effetti psicologici associati al consumo ricreativo di questa pianta.

“Mia madre ha notato subito la differenza.”

All’inizio, la madre di Jardine era preoccupata per questo nuovo trattamento, temendo che sua figlia diventasse dipendente o costantemente dipendente.anestetico“Tuttavia, ha cambiato idea quando ha visto gli effetti positivi sulla vita di sua figlia”.Mia madre notò subito la differenza. Ha visto quanto ero più felice e rilassataJardine spiega.

READ  Dichiarazione dello stato di emergenza a San Paolo

Il sostegno della sua famiglia è fondamentale nel suo viaggio. Anche i suoi figli vedono una notevole differenza. “I miei figli e mia madre hanno notato quanto sono paziente. Alla fine sono riuscito ad alzarmi dal letto, a fare la doccia e a svolgere le faccende domestiche.“H”, aggiunge.

“Questi trattamenti hanno peggiorato i miei problemi articolari”.

Prima di scoprire la cannabis terapeutica, Jardine ha sperimentato diversi trattamenti. Nel 2016 le è stato somministrato gabapentin per due anni ed è stata sottoposta a terapia fisica tra il 2014 e il 2016, ma senza successo. “Questi trattamenti hanno peggiorato i problemi articolariIl pregabalin, prescritto nel 2018, avrebbe dovuto essere la soluzione, ma alla fine ha lasciato Jardine in uno stato di costante dolore e depressione, ricorda.

Il percorso verso la cannabis terapeutica non è stato facile. Jardine inizialmente era titubante a causa dello stigma che circondava l’uso di cannabis, soprattutto come madre. Ma la certezza che questo trattamento fosse legale e sotto controllo medico lo convinse infine a provarci.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *