Ceferin ha risposto a Gündogan sulla riforma della UEFA Champions League

Rummenigge considera il progetto “definitivamente sepolto”

L’allenatore del Bayern Monaco Karl-Heinz Rummenigge ha detto domenica, una settimana dopo un tentativo fallito da parte di 12 grandi squadre europee di organizzare un evento rivale di Champions League, l’idea di creare la Super League è “definitivamente sepolta”.

“Alla fine, sarebbe una buona cosa che tutto questo circo per 48 ore (…) gli uomini d’affari capissero una volta per tutte che il calcio non risponde solo alla logica economica economica”, dice l’ex Ballon d. O che è diventato un leader nel giornale della domenica La foto è domenica.

UEFA Champions League: la risposta di Ceferin al nuovo look di Gündogan

In un’intervista per il Daily Mail, il presidente dell’Unione Europea ha lasciato la porta aperta per le modifiche al disegno di legge di riforma della Champions League approvato, avvertendo i giocatori e gli allenatori del necessario adeguamento salariale se la concorrenza rimane la stessa. Ilkay Gündogan si è particolarmente lamentato di questo nuovo formato.

Ceferin ha risposto: “Ci possono essere sempre meno partite, ma anche gli stipendi dei giocatori e degli allenatori devono essere adeguati. Non si può generare di meno e vincere di più tutto il tempo. Ho letto alcune persone che dicono:” Non voglio più giochi. Sono davvero d’accordo con questo, se la Champions League continuerà così sarà sempre la migliore competizione del mondo “.

Undici club del campionato italiano chiedono sanzioni contro Juventus, Inter e Milan

Lo annunciano Roma, Torino, Bologna, Genoa, Sampdoria, Sassuolo, Spezia, Benevento, Crotone, Parma e Cagliari. Secondo le informazioni ricevute da Republica, Questi undici club di Serie A hanno inviato una dichiarazione congiunta alla Lega calcio italiana. Chiedono sanzioni contro Juventus, Inter e Milan, i tre ribelli che hanno firmato per entrare in Premier League.

READ  China orders Alibaba founder Jack Ma to dismantle fintech empire | Business

Ceferin voleva ancora sanzioni contro gli attentatori

L’allenatore europeo Alexander Ceferin esce più forte da questa crisi in Premier League. Il leader sloveno ha confermato al quotidiano Daily Mail la sua intenzione di punire i 12 club che stanno dietro la competizione di Champions League. Ma attenzione, il presidente UEFA ha anche confermato che si aspetta sanzioni classificate a seconda del ruolo che giocano le squadre coinvolte in un progetto del genere. Di conseguenza, i leader dovrebbero essere puniti più spesso dei club che si sono semplicemente iscritti alla Premier League.

Ceferin ha detto: “Per me, c’è una netta differenza tra i club inglesi e gli altri sei. Si sono ritirati per primi e ammettono di aver commesso un errore. Devi essere bravo a dire: ‘Mi sono innamorato di me stesso”. Ho imbrogliato. ” Opinione, ci sono tre gruppi in questi 12: sei club inglesi e altri tre (Milan, Inter, Atletico Madrid, Nota del redattore) che sono usciti dopo (Juventus, Barcellona, ​​Real Madrid, Editor’s Nota)) e dopo pensa che la Terra è piatta e la Premier League è ancora lì. C’è una grande differenza tra loro. Ma tutti saranno responsabili. Come vedremo. (…) Quello che hanno fatto è stato non va bene e lo faremo. Vedremo nei prossimi giorni cosa dobbiamo fare “.

Buongiorno a tutti,

Distrutta in pochi giorni e grazie a una folla di tifosi molto forte, la Premier League continua a indebolire la UEFA. L’organo di governo del calcio europeo ha vinto la guerra contro i dodici club ribelli e ora si concentrerà sulle sanzioni loro imposte. Durante il fine settimana, molti tifosi inglesi hanno manifestato contro club dissidenti contro la loro dirigenza in vista delle partite di Premier League.

READ  Dichiarazione del Segretario di Stato a seguito delle audizioni del giusto processo di Michael Kovrig e Michael Spavor - 45eNord.ca

In Italia, undici squadre di Serie A hanno chiesto sanzioni contro Juventus, Inter e Milan dopo che l’intero torneo era stato messo a repentaglio. Infine, Leonardo ha elogiato la posizione di Nasser Al-Khelaifi dopo aver visto il presidente del Paris Saint-Germain rifiutarsi di partecipare alla Premier League.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *