Catherine Deneuve, un rapporto privilegiato con l’Italia

(Parigi) Per molti italiani è “la Deneuve”. Premiata mercoledì con un Leone d’Oro alla Mostra del Cinema di Venezia, l’attrice Catherine Deneuve ha sempre avuto un rapporto speciale con l’Italia.

Inserito alle 10:35

Frederic Dumoulin
Agenzia media francese

Ci va spesso, vi ha girato una dozzina di film dagli anni ’60 e ha formato una famosa coppia cinematografica con Marcello Mastroianni, il seduttore italiano per eccellenza.

La dolce vita con Mastroianni

Il loro primo incontro ebbe luogo nell’autunno del 1970 durante una cena da Roman Polanski a Londra. Mastroianni gira lì le ultime scene di un film.

Lui ha 46 anni, lei 27. L’attore dalle numerose conquiste femminili è stato appena lasciato da Faye Dunaway; non è più con François Truffaut. La magia non funziona subito. “Il suo ruolo gli imponeva di farsi rasare la testa e devo ammettere che non l’ho riconosciuto subito”.

Si avvicinano poco dopo, sul set di Succede solo agli altri, di Nadine Trintignant. “Finito il film, Marcello è rimasto nella mia vita”. Per quattro anni hanno formato una delle coppie più glamour del cinema. Vivono a Parigi e nel 1972 hanno una figlia, Chiara, anche lei futura attrice.

Ma Mastroianni è ancora sposato in Italia e non ha intenzione di divorziare. Deneuve pose fine alla loro relazione nel 1974. “Siamo rimasti i migliori amici del mondo”, ha detto Mastroianni.

Cara Venezia

Frequenta regolarmente Venezia, dove ha presentato diversi film in concorso. ultimo, La verità del giapponese Hirokazu Kore-eda, aprendo il festival 2019.

Ha anche presieduto la giuria del 63e Mostra, nel 2006, e ha ricevuto la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile nel 1998 per Place Vendôme di Nicole Garcia.

READ  Italia - Strada - Filippo Zana, incoronato: "Continuo a non crederci"

Inoltre è stata premiata a Roma con un David di Donatello – l’equivalente italiano del César – come migliore attrice straniera per L’ultima metro di Truffault.

Passa a Cinecittà

“Mi piacciono molto i film italiani. Perché respiriamo, perché viviamo. Trovo gli scenari in generale più elaborati, più ricchi […] Gli italiani hanno un fantastico senso di derisione”, ha detto durante le riprese, a Venezia! — dal film anime perse (1977), di Dino Risi.

Ha girato il suo primo film italiano all’età di 20 anni Con amore e con rabbia con Sami Frey.

Lo troviamo dentro Lisa (1972) di Marco Ferreri, a porte chiuse innamorato di Mastroianni. La coppia spara ancora per Ferreri Non toccare la donna bianca! (1974), parodia della battaglia di Little Bighorn.

Lei sta ancora mostrando Il grande borghese (1974) di Mauro Bolognini, tratto da una notizia di inizio Novecentoedi La capanna degli innamorati (1977) di Sergio Citti e commedia A patto che sia una ragazza (1986) di Mario Monicelli.

italiano OV

È l’attrice francese più conosciuta in Italia, dove fa frequenti viaggi. Regolarmente invitata in televisione, si esprime fluentemente in italiano.

Quando sua figlia Chiara era piccola, le parlava in italiano “per non dimenticare la lingua di suo padre”.

Nel film L’eroe di famigliafa una cover della canzone in VO Ho capito che ti amo di Luigi Tenco.

L’unico intoppo in questa bella storia d’amore con l’Italia: è stata fischiata nel 2009 a un festival culturale in Toscana, il pubblico sembra irritato da un testo ampiamente detto… in francese.

“Sì, sono Catherine Deneuve”

La frase è diventata un espediente in Italia. È una breve battuta dell’attrice, un sorriso smagliante e una perfetta piega davanti a un hotel di lusso, al termine di uno spot pubblicitario del 1982 per un’auto del marchio Lancia.

READ  Lodévois Victor Koretzky vince la medaglia di bronzo in Italia

“È diventata un’espressione comune in Italia, che si lancia per punteggiare una frase, quando vogliamo rivendicare il nostro lato chic, per scherzo o per autoironia”, spiega la franco-italiana Alessandra Serra, che ne ha tratto uno spettacolo musicale e umoristico “Io sono Catherine Deneuve”.

La replica ha un tale successo che viene studiata nelle scuole di marketing.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.