“Caravaggio” di Michele Placido, il genio eretico

Italia 1609. Accusato di omicidio, Caravaggio, alias Michelangelo Merisi (1571-1610), Fuggì da Roma e si rifugiò a Napoli. Con l’appoggio della potente famiglia Colonna, Caravaggio tenta di ottenere la benedizione della chiesa per tornare a Roma. Allora il papa decide di avere un investigatore, Shadow, per condurre un’indagine su un pittore la cui arte considera sovversiva e contraria alla morale della Chiesa.

Con Caravaggio, Michele Placido si aspettava un classico – che di per sé non è un’offesa – appropriandosi di un soggetto rotante, come il talento di Caravaggio, che senza dubbio avrebbe beneficiato di una forma più audace, anche se si fosse cercato di ricreare quel famoso senso di luce dal maestro.

nel cast, Riccardo Scamarcio Persuasivo, soprattutto perché Le Carvage non è perfetto, non è sempre comprensivo. Louis Garrel nel ruolo del detective e Isabelle Huppert nel ruolo del pastore soffrono di doppiaggio, che loro stessi hanno fatto in italiano.

A memoria : un documentario di Benoit Jacquot

Festival di Avignone, luglio 2021. Isabelle Huppert prova Ciliegio Scritta da Cechov e diretta da Tiago Rodrigues nel cortile principale del Palazzo dei Papi. Fabrice Lucchini si prepara per una lettura sulla cultura francese di Nietzsche.

Due prove molto diverse, una collettiva, con tutti gli attori che apriranno il Festival di Avignone, e l’altra da solista, al tavolo, di fronte al pubblico. Ma per entrambi, lavora, trova la giusta intonazione, impara il testo. Isabelle Huppert che si imbatte costantemente nella stessa frase, Fabrice Luchini che deduce così eloquentemente che lo conosciamo. Con due personaggi di uguale forza e dissomiglianza, il film mira oltre la cerchia degli amanti del teatro.

READ  I migliori film estivi da guardare su Netflix

Luchini fa Luchini e, ovviamente, Isabelle Huppert ha il controllo di ciò che mostra, anche se il documentario suggerisce il contrario. A memoria Interessante per chi vuole conoscere meglio questo affascinante mestiere, ma se è insoddisfatto è perché Benoit Jacquot ha passato solo pochi giorni ad Avignone a filmare Isabelle Huppert e Fabrice Luchini al lavoro, e gli è mancato del materiale per documentare meglio il suo film.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.