Cancro al seno: screening già finanziato in Ontario, il Quebec dovrebbe copiarlo?

Cancro al seno: screening già finanziato in Ontario, il Quebec dovrebbe copiarlo?

Il governo dell’Ontario ha deciso di aggiungere la fascia di età 40-49 anni ai test di screening del cancro al seno finanziati con fondi pubblici, seguendo una raccomandazione di una task force statunitense.

• Leggi anche: Mese di sensibilizzazione: “Il cancro al seno non è una cosa facile”

Secondo l’amministratore delegato della Quebec Breast Cancer Foundation, Karine Iseult-Ebercel, una misura del genere sarebbe benvenuta in Quebec, ma potrebbe essere difficile da attuare e costituire solo una parte della soluzione.

“Certamente se domani ci dicessero che aggiungeremo una fascia d’età, saremmo felici e non diremmo mai di no”, dice. D’altra parte, l’età è solo uno dei fattori di rischio. Ce ne sono molti altri.”

“In Quebec e quasi ovunque, nel 2021, abbiamo perso 500 tecnici medici”, aggiunge. “Avremo le risorse per aggiungere da 30 a 60.000 nuove persone alla mammografia quando sappiamo che in Quebec possono essere necessarie da una a due settimane fino a 33 settimane per sottoporsi a una mammografia, a seconda della regione? Dove viviamo?”

Tuttavia, il CEO sottolinea che uno screening rapido aumenta le possibilità di sopravvivenza.

“In termini di screening, quanto prima rileviamo il cancro al seno, tanto più velocemente possiamo procedere lungo il percorso di cura e tanto più velocemente possiamo rimetterci in piedi e tornare alla nostra vita il più normalmente possibile”, afferma. Penso che sia per un rilevamento rapido [que l’Ontario a agi]”.

“Prima si arriva, prima arriveremo alla fase uno invece che alla fase tre o quattro”, continua. È un percorso di cura meno evasivo e torniamo alla nostra vita normale più rapidamente.

Tuttavia, secondo Ebersel, un approccio personalizzato e basato sul rischio avrà un impatto maggiore.

READ  Screening di massa in Lot per sospetto di contaminazione da varianti

“È importante sottoporsi allo screening, ma l’approccio che sosteniamo fortemente è quello di passare allo screening con una valutazione personale dei rischi di ogni persona fin dalla prima visita dal medico a 18, 19, 20 anni”, afferma.

La frequenza ideale per le mammografie varia da caso a caso a seconda della predisposizione di ogni persona alla malattia.

Questi fattori includono età, abitudini di vita, fumo, forma fisica, obesità e altri fattori.

Guarda l’intervista completa nel video qui sopra

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *