Campionati mondiali di sport salvavita: Félicinois torna a casa glorioso

I quattro Félicinois che nelle scorse settimane hanno preso parte ai Campionati Mondiali di Sport Salvavita in Italia sono tornati a casa con tante belle esperienze e medaglie.

Mentre Stephanie Labelle (donne dai 45 anni in su) e Frederic Fortin (uomini 40-44) sono tornati con un totale di 12 medaglie tra loro, Coralie Dionne e Anne-Sophie LePage (donne dai 19 anni in su) sono tornate con strumenti ben forniti.

Prima di tutto, Frédéric Fortin ha vinto sei medaglie durante la sua permanenza in Italia, di cui tre d’oro, due d’argento e una di bronzo. Due di queste medaglie sono state vinte in competizioni a squadre, le altre quattro individualmente.

Questa è anche la prima volta che ha vinto medaglie in eventi individuali, secondo Stephanie Labelle.

Inoltre, Frederick ha stabilito quattro nuovi record canadesi.

Dal canto suo, Stephanie ha vinto anche sei medaglie, quattro d’oro, una d’argento e una di bronzo. Li ha vinti tutti negli eventi per single.

“Ci siamo andati senza alcuna reale aspettativa di risultati. Ci alleniamo duramente, ma non sai davvero come sarà il calibro. E quando siamo arrivati ​​non abbiamo visto molti partecipanti della fascia d’età. Quindi abbiamo “Sono davvero orgoglioso della nostra performance”, ha affermato Stephanie Labelle.

esperienza gratificante

Per Kaley Dion e Anne-Sophie LePage, la loro partecipazione ai Campionati del Mondo è stata un’esperienza ricca. Le due giovani donne non avrebbero ricevuto una medaglia, ma hanno riempito la loro cassetta degli attrezzi.

Tornano con la testa piena di idee e sono più determinati che mai. Hanno adorato la loro esperienza lì e mirano a tornarci tra un paio d’anni. Hanno maturato una grande esperienza in tali condizioni. »

READ  L'Inter lancia la Fiorentina dopo una partita pazzesca (4-3)

Coralie Dion parteciperà anche alla finale dell’evento Ocean Guard, che è una combinazione di tutti gli altri eventi.

“Fa ben sperare per entrambe le ragazze. Ho potuto parlare con i loro allenatori prima dell’inizio delle competizioni e sono rimaste sbalordite nel vedere la loro disciplina. Avevano solo buone parole per loro”.

Vedere due delle sue nazionali a questo torneo è stato un momento molto emozionante per Stephanie Labelle.

“Prima dell’inizio delle competizioni, c’era una parata, come alle Olimpiadi. Quando ho visto le ragazze, si stavano muovendo. Hanno lavorato sodo ed è stato un grande sentimento di orgoglio e gloria vederle lì”.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.