Campionati mondiali di atletica leggera: il fenomeno Kipyegon, parata di Tampere | TV5MONDE

Campionati mondiali di atletica leggera: il fenomeno Kipyegon, parata di Tampere |  TV5MONDE

La keniana Faith Kipyegon ha vinto l’oro nei 1500 metri per la terza volta ai Campionati del mondo di Budapest, mentre martedì sera si è esibito l’italiano Gianmarco Tampere.

Il miglior corridore al mondo in questo momento, Kipyegon è al settimo cielo nel 2023 e continua a compilare l’impressionante elenco.

“Oggi correvo dietro alla storia e ci sono riuscita”, ha detto. È l’unica velocista donna ad aver vinto tre titoli mondiali su questa distanza.

Dopo l’oro ai Mondiali del 2017 e 2022, l’argento nel 2015 e 2019, e due titoli olimpici nel 2016 e nel 2021, la keniana ha arricchito ulteriormente il suo campionario. È chiaro che quest’anno abbiamo i record mondiali dei 1500 (3:49.11 a Firenze il 2 giugno), dei 5000 (14:05.20 a Parigi il 9 giugno) e del miglio (1616 circa, 4:07.64 a Monaco il 2 giugno). ). ). 21 luglio).

Senza apparire forzata, ha impostato un ritmo costante per poi accelerare gradualmente, e nessuno è riuscito a raggiungerla all’ultimo giro, per tagliare il traguardo in 3 minuti, 54 secondi e 87, molto davanti alla sua seconda classificata etiope. Deribe Weltigi, che lo ha confermato. A ventuno anni il suo talento notevole con il suo primo podio internazionale.

“trova la mia velocità”

La medaglia di bronzo olandese Sifan Hassan posa con la medaglia d’oro del Kenya Faith Kipyegon dopo la finale dei 1500 metri femminili durante i Campionati del mondo di atletica leggera al Centro nazionale di atletica leggera di Budapest il 22 agosto 2023

Agenzia di stampa francese

Kipygon, di Shepara nel Kenya centrale, ha messo in pausa la sua carriera per dare alla luce sua figlia Aline nel giugno 2018 e poi tornare in vetta.

READ  Italia e Svizzera, note: Donnarumma è impraticabile

“So cosa passano le donne dopo il congedo di maternità. Pensano che sia la fine della loro vita. Voglio dimostrare loro che si sbagliano”, ha detto all’AFP a giugno nel suo campo di allenamento a Kaptagat, dove corre con la leggenda della maratona Eliud Kipchoge.

E non c’è stato nessun duello con l’olandese Sifan Hassan, rimasta in fondo al gruppo per gran parte della gara, e che è ancora in grado di competere per la medaglia di bronzo. Il premio di consolazione di Jamila dopo l’estenuante arrivo dei 10.000 metri di sabato, quando è caduta a pochi metri dal traguardo, mentre era in lotta per il titolo.

“Solo poche settimane fa, stavo correndo una maratona (vinta a Londra in aprile al primo tentativo) e faticavo a trovare il mio ritmo. Io e il mio allenatore abbiamo pensato di non correre i 1500 metri. Non avrei mai immaginato di vincere i 1500 metri”. “C’è una medaglia laggiù”, ha detto Hassan.

I due campioni si ritroveranno nella corsa dei 5.000 metri, dove Kipyegon sarà il favorito. La serie, prevista per la tarda mattinata di mercoledì, è stata spostata in prima serata dalla IAAF, a causa del clima caldo nella capitale ungherese (intorno ai 35 gradi).

“Sacrifici”

E a fine serata il 31enne di Tampere ha dato spettacolo, perché ha il segreto, vincendo il suo primo titolo mondiale outdoor, l’unico che gli mancava.

Tampere, che ha condiviso l’oro olimpico con il suo amico del Qatar Mutaz Essa Barshim a Tokyo nel 2021, ha vinto per 2,36 m al primo tentativo. Anche l’americano Jovon Harrison ha tagliato la distanza di 2,36 metri, ma solo al secondo tentativo. Barshim, tre volte campione del mondo, questa volta ha vinto il bronzo (2,33 m).

Con il viso mezzo rasato, come è abituato nelle occasioni speciali, l’italiano ha creato una sensazione giovane, uno che cerca stabilità in allenamento dallo scorso anno.

“Volevo scrivere la storia vincendo tutti i titoli più importanti, che sensazione incredibile! Sono anni che sono valsi tutti questi sacrifici. Avevo un po’ paura per le sensazioni provate in questi giorni, ma so che in campo mi supero sempre”. finale”, ha espresso. apprezzato.

Sconvolto dal caldo, come tutto lo stadio impegnato per la sua causa, si è addirittura offerto un piccolo putt nella corsa a ostacoli del fiume con la marocchina Sofiane El Bekkali, che aveva appena vinto i 3000 siepi, mentre il “Sara perche ti amo” dell’Italia risuonava in tutto lo stadio. Corte ungherese.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *