Caffè: prevenire i rischi di gravi malattie del fegato

Il caffè aiuterà a ridurre il rischio di malattie epatiche croniche o morte, secondo uno studio pubblicato sulla rivista britannica BMC Public Health.

“Un po’ di nero, per favore!” Uno studio britannico indica che il caffè protegge il fegato dalle malattie croniche. In BMC Public HealthRodrik e colleghi hanno pubblicato la loro analisi dei dati di 494.585 partecipanti, di età compresa tra 40 e 69 anni. 384.818 di loro hanno dichiarato di aver bevuto caffè inizialmente, rispetto a 109.767 che non lo hanno fatto.

L’analisi ha rilevato che, dopo aver preso in considerazione fattori come l’indice di massa corporea, il consumo di alcol e il fumo, le persone che bevevano caffè, non importa quanto e cosa in natura, avevano Rischio inferiore del 20% di malattia epatica cronica o fegato grasso (tutte le categorie messe insieme) di persone che non consumano caffè.

I bevitori di caffè avevano anche un rischio inferiore del 49% di morire per malattie croniche del fegato. “Questo studio su un’ampia coorte britannica conferma che il consumo di caffè protegge da gravi malattie del fegato”, ha affermato il professor Paul Rodrik, coautore dello studio presso l’Università di Southampton.

Il team ha riferito che l’entità dell’effetto positivo aumenta con l’aumento La quantità di caffè consumata, fino a tre o quattro tazze al giorno. Inoltre, l’aumento dei consumi non fornisce alcun beneficio aggiuntivo. Un rischio minore è stato osservato anche quando il caffè solubile, il caffè decaffeinato e il caffè macinato sono stati considerati separatamente. Il beneficio è maggiore anche tra i seguaci del caffè macinato, che contiene alti livelli di alcol e cafestol, due sostanze attive che si trovano naturalmente nei chicchi di caffè.

Un problema di salute globale

Problema di malattia del fegato Un grosso problema di salute in tutto il mondo. Secondo il British Liver Trust, è la terza causa di morte prematura nel Regno Unito, con a 400% di aumento dei decessi dal 1970.

Tuttavia, lo studio ha dei limiti, incluso il fatto che non può dimostrare che il caffè stesso riduca il rischio di malattie croniche del fegato. È possibile che le abitudini nutrizionali o non alimentari degli altri partecipanti possano aver giocato o giocato un ruolo nel risultato.

Infine, per tutti coloro che vogliono rimediare alle cattive abitudini con il caffè, cambiano idea. Secondo Vanessa Hebditch del British Liver Trust, sebbene questo studio si aggiunga a un numero crescente di prove che il caffè è benefico per la salute del fegato, non è sufficiente:È importante che le persone migliorino la salute del fegato non solo bevendo caffè, ma anche riducendo l’assunzione di alcol e mantenendo un peso sano attraverso l’esercizio e mangiando bene.‘, lei ha aggiunto.

READ  Scegli di donare il tuo corpo alla scienza

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *