Bruxelles invita i paesi dell’UE ad accogliere più richiedenti asilo dall’Italia

Bruxelles invita i paesi dell’UE ad accogliere più richiedenti asilo dall’Italia

Per alleviare la situazione in Italia, dove esplodono gli arrivi di migranti attraverso il Mediterraneo, martedì la Commissione europea ha chiesto agli Stati membri di compiere “sforzi” e accogliere più richiedenti asilo. Da inizio anno si registra un aumento del 300% degli arrivi in ​​Italia, rispetto allo stesso periodo del 2022.

La distribuzione dei richiedenti asilo nei 27 stati membri dell’Unione Europea (UE) è un dibattito che da anni divide la società europea. Ma per alleviare le pressioni migratorie che l’Italia ha dovuto affrontare nelle ultime settimane, martedì la Commissione europea ha invitato gli Stati membri a mostrare “solidarietà”.

Il commissario europeo Johannes Hahn ha detto durante un dibattito con i membri del Parlamento europeo a Strasburgo: “Le coste (isola) di Lampedusa sono anche le coste dell’Unione europea. Le persone che vi arrivano hanno una responsabilità condivisa”. “Vogliamo che gli Stati membri si muovano più (richiedenti asilo) più velocemente. L’UNHCR incoraggia gli Stati membri ad aumentare i loro sforzi”, ha aggiunto, mentre l’Italia dichiarava uno stato di emergenza di sei mesi per far fronte all’aumento degli arrivi di migranti.

Meccanismo di allocazione

Lo scorso giugno, tuttavia, è stato istituito un nuovo meccanismo di distribuzione europeo. Ma nonostante questo, l’Italia è ancora sopraffatta dal numero di arrivi sulle sue spiagge. Secondo Johannes Hahn, da giugno sono stati trasferiti 950 richiedenti asilo, di cui “due terzi dall’Italia”. Quando 23 paesi hanno ratificato il sistema europeo 10 mesi fa – è stato implementato per un periodo di un anno, rinnovabile – erano previsti 8.000 richiedenti asilo per i dodici paesi dell’UE.

READ  Lo stemma del Venezia FC torna sulla maglia del club

Un dato ancora basso rispetto al numero di arrivi in ​​Italia, che sono migliaia. Solo lo scorso fine settimana “sono arrivati ​​più di 1.500 migranti”, secondo il commissario europeo. Dall’inizio dell’anno nel Paese sono stati registrati “più di 30.000 espatriati”, con “un aumento del 300%” rispetto al primo trimestre del 2022.

>> Da (ri)leggere: Un nuovo meccanismo europeo per la distribuzione dei migranti: cosa cambia?

Invece di accogliere gli immigrati sul proprio territorio, un Paese europeo può anche aiutare economicamente uno dei Paesi in prima linea. Così, “l’Italia è il principale beneficiario dei fondi europei per la migrazione”, ha aggiunto Johannes Hahn, precisando che la Commissione stava discutendo con Roma sulla possibilità di ulteriori aiuti di emergenza.

In partenza dalla Tunisia

In discussione anche una visita europea della commissaria europea per gli affari interni, Ylva Johansson, in Tunisia a fine mese. Il paese è diventato uno dei principali luoghi di partenza per gli immigrati in Europa. Nelle ultime settimane sono esplose le partenze via mare dalla costa tunisina, situata a meno di 150 chilometri dall’isola di Lampedusa.

Dal 1 gennaio al 31 marzo, la Guardia Costiera tunisina ha salvato o intercettato più di 14.000 persone, di cui circa 13.000 provenienti dall’Africa sub-sahariana, secondo un portavoce della Guardia Nazionale tunisina. Questo è cinque volte lo stesso periodo nel 2022.

Da parte sua, il ministro degli Esteri italiano ha chiesto al Fondo monetario internazionale di concedere finanziamenti alla Tunisia senza attendere le riforme del governo tunisino. Teme che il crollo economico di questo paese del Maghreb porti a un aumento dell’immigrazione in Europa.

READ  Tesla is taking another step towards launching in India

>> Da (ri)leggere: Le ONG chiedono all’Unione europea di porre fine alla cooperazione con la Tunisia nella lotta all’immigrazione clandestina

L’Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM) ha affermato che il primo trimestre del 2023 è stato il più mortale per i migranti che hanno attraversato il Mediterraneo dal 2017 con 441 vite disperse. “La crisi umanitaria in corso nel Mediterraneo centrale è insopportabile. Con più di 20.000 morti registrate su questa rotta dal 2014, temo che ci sarà una normalizzazione di queste morti”, ha dichiarato Antonio Vitorino, direttore generale dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *