Bou Habib parla al Vaticano II a Roma sui modi per sostenere il Libano

Il ministro degli Esteri libanese, Abdullah Bou Habib, ha incontrato, giovedì, a Roma, il ministro degli Esteri del cardinale apostolico, cardinale Pietro Parolin, in merito alla crisi in Libano e al continuo sostegno che il Vaticano fornisce al governo e al popolo di Libano, poiché il paese è impantanato nelle peggiori condizioni sociali ed economiche. La crisi finanziaria nella sua storia contemporanea.

Secondo il nostro corrispondente, Hoda Shadeed, il secondo uomo in Vaticano sperava che il Libano si allontanasse dai conflitti regionali, in un momento in cui sta attraversando una grave crisi diplomatica con i Paesi del Golfo, a causa delle controverse dichiarazioni del ministro dell’Informazione George Qardahi, riguardo al coinvolgimento dell’Arabia Saudita nella guerra in Yemen. Il Ministro degli Affari Esteri ha discusso anche con il Segretario della Santa Sede per i Rapporti con i Paesi, monsignor Paul Gallagher, del lavoro svolto dal governo libanese nel settore energetico e a livello di negoziato con il Fondo monetario internazionale (Fmi). . I funzionari hanno anche discusso dei modi per rafforzare il sostegno del Vaticano al settore dell’istruzione in Libano. L’arcivescovo Gallagher aveva annunciato che si sarebbe recato a Beirut all’inizio del prossimo anno.

Rispondendo a una domanda dell’Agenzia nazionale di stampa sulle possibili condizioni che Roma imporrà per rilasciare i suoi aiuti alla risaia, il ministro ha affermato che “l’Italia, come altri Paesi, ha bisogno di concedere aiuti al Libano per attuare le riforme”. Poi ha indicato che l’aiuto italiano non sarà finanziario, ma consisterà nella realizzazione di progetti. Ha aggiunto: “Non possiamo continuare così. Il Paese sta crollando per l’assenza di riforme finanziarie, economiche e monetarie”, sottolineando che “le misure prese a questo livello sono ancora lente”. “Il Fondo monetario internazionale sta collaborando con noi per aiutarci, quindi dobbiamo agire rapidamente”, ha aggiunto il diplomatico libanese.

READ  La crescita dell'Eurozona è rimbalzata del 2% nel secondo trimestre

Infine, il sig. Bouhabib ha indicato che incontrerà il suo omologo italiano e altri funzionari europei a margine della Conferenza dei Dialoghi mediterranei, che si terrà in Italia da oggi fino al 4 dicembre.

Papa Francesco ha ricevuto la scorsa settimana in Vaticano il primo ministro libanese Najib Mikati, assicurandogli di lavorare per uno “sforzo comune” per aiutare il Libano a uscire dalla crisi. Il premier ha indicato che papa Francesco “gli assicura che farà del suo meglio nell’arena internazionale per aiutare il Libano nei suoi tempi difficili e riportare pace e stabilità”.

Le condizioni di vita continuano a deteriorarsi in Libano a causa del suo collasso multidimensionale. Il governo non si riunisce dal 12 ottobre a causa di tensioni politiche interne, poiché il governo Mikati dovrebbe avviare riforme cruciali nel Paese. La ripresa dei negoziati con il Fondo monetario internazionale e l’operato del governo è condizione indispensabile per il rilascio degli aiuti promessi dalla comunità internazionale in Libano, dove l’80% della popolazione vive oggi in condizioni di povertà.

Giovedì il ministro degli Esteri libanese Abdallah Bou Habib ha avuto un colloquio a Roma con il cardinale ministro degli Esteri apostolico cardinale Pietro Parolin sulla crisi in Libano e sul continuo sostegno che il Vaticano fornisce al governo e al popolo libanese, mentre il Paese inciampa nelle peggiori condizioni sociali condizioni. Una crisi economica e finanziaria nella sua storia…

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *