Bilancio: l’Italia è sotto pressione da parte dei mercati dopo il peggioramento del suo deficit

Bilancio: l’Italia è sotto pressione da parte dei mercati dopo il peggioramento del suo deficit

Pubblicato il 28 settembre 2023 alle 7:24Aggiornato il 28 settembre 2023 alle 16:49

«Temo più i mercati che Bruxelles», ha dichiarato il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti avviando i lavori sulla Finanziaria 2024. “Sarà complicato”, ha ammesso.

Lui aveva ragione. Dopo che mercoledì sera l’Italia ha rivisto al ribasso le sue previsioni di crescita e le previsioni di deficit di bilancio in aumento, il divario tra il rendimento dei titoli di stato italiani a 10 anni e quelli tedeschi, considerati più sicuri, ha raggiunto i 200 punti base, il più alto dallo scorso marzo. . Il tasso di interesse a 10 anni dell’Italia è aumentato significativamente durante la giornata al 4,93%, il livello più alto dal 2013, facendo scendere i prezzi delle obbligazioni in numerosi paesi della zona euro.

Meno crescita e deficit più alti

I mercati reagiscono all’aggiornamento, mercoledì sera, del documento economico e finanziario che funge da quadro di bilancio e elenca gli obiettivi di crescita e di finanza pubblica. Dopo l’euforia del primo trimestre del 2023, e con dati di crescita superiori a quelli registrati in Francia e Germania, Giancarlo Giorgetti deve ora fare i conti con il peggioramento dell’attività economica.

Di conseguenza, le previsioni di crescita del PIL per il 2023 sono state riviste al ribasso e ora si attestano allo 0,8%, rispetto al precedente 1%. Per il 2024 sarà all’1,2%, mentre ad aprile era previsto l’1,5%. Allo stesso tempo, le proiezioni del disavanzo vengono aumentate al 5,3% del Pil nel 2023 (rispetto al 4,5% precedentemente previsto) e al 4,3% nel 2024, in calo significativo ma rispetto all’8% registrato nel 2022. Economia. Ma la revisione per il 2023 (0,8 punti) è comunque importante.

READ  Imposta globale sulle società: al G20 un accordo in vista - Economia

Scelte difficili da affrontare

“Questo bilancio è il primo vero test economico per Giorgia Meloni da quando è salita al potere lo scorso ottobre”, osserva Tim Jones, analista della zona euro presso la società di consulenza Medley Advisors. Le linee generali del precedente Codice della Finanza furono in gran parte determinate dal suo predecessore, Mario Draghi.

Questa volta, l’esecutivo prevede di stanziare 14 miliardi di euro, anche se ciò significherà quasi nessuna riduzione del deficit l’anno prossimo. “Ciò impone di fare scelte serie e logiche”, ha avvertito Giorgia Meloni, invitando a “combattere gli sprechi per aiutare le famiglie e ridurre le tasse sulle persone a basso reddito”.

Tutte le promesse elettorali della coalizione di destra – che ha vinto le elezioni solo un anno fa – non possono essere mantenute, a cominciare da una profonda riforma fiscale con l’espansione della “flat tax” per coprire la maggior parte dei dipendenti o addirittura un allentamento delle restrizioni sui lavoratori dipendenti. lavoro. Un rigido sistema pensionistico e le speranze di un aumento del bilancio dei Ministeri della Sanità e dell’Istruzione Nazionale saranno delusi.

«Credo che nella Commissione europea ci siano persone che hanno fatto o lavorano in politica e capiranno la nostra scelta», ha commentato Giancarlo Giorgetti. [d’augmenter les déficits, NDLR]A differenza dei banchieri centrali che svolgono il proprio lavoro in completa indipendenza senza tener conto di altre considerazioni. Penso che capiranno la situazione, così come tutti i loro colleghi ministri delle Finanze che devono affrontare un rallentamento economico o addirittura una recessione. »

Dopo un inizio cauto, il governo della Georgia Meloni ha intensificato i suoi attacchi alla Banca Centrale Europea, criticandone la politica di aumento dei tassi di interesse e annunciando addirittura una tassa sugli utili bancari in eccesso. Tutto ciò avviene sullo sfondo dei difficili negoziati sulla riforma del Patto di Stabilità e del rifiuto di Roma di accettare di riformare il fondo di salvataggio dell’Unione Europea, o il Meccanismo Europeo di Stabilità.

READ  Showroom "Italian Design Day" per promuovere gli scambi con il Marocco

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *