bella ragazza! Calcio di precisione: lo stadio e l’opera

Dopo una folle partita tra Francia e Svizzera e un duro rigore, il destino si è infranto… La Francia è eliminata! Il calcio ci mette i sensi e forse è proprio quello che ci piace…

Possiamo dire che” Il calcio è un gioco semplice, e si gioca sempre allo stesso modo: 22 uomini rincorrono il pallone per 90 minuti e alla fine vincono i tedeschi Niente di meno sicuro…
È chiaro che tutto è possibile in ogni partita. Il potere del destino, è così che ti senti perché tutto può cambiare da un minuto all’altro, un fischio di rigore all’ultimo secondo, una rimonta (e non sempre il migliore che vince, una combinazione di merito e serendipità), è il destino che in realtà è – crudele a volte, destino che ti prenda alla gola come in Verdi! E questo è esattamente ciò che influenza le nostre emozioni.
La dimensione curativa significa che il mimetismo del dramma, allo stadio o all’opera, arriva davvero a purificarci. Questo impeto di sentimenti per purificare l’anima.

Calcio e opera: il legame degli antenati

I legami tra calcio e opera sono antichi. Uno dei predecessori del calcio, il Calcio Fiorentino, era tenuto in grande considerazione dalla nobiltà rinascimentale italiana. E Vincenzo Gonzague, duca di Mantova, uno dei mecenati di Claudio Monteverdi considerato il padre dell’opera, fu lui stesso un grande interprete di calcio. In occasioni prestigiose come i matrimoni principeschi, per intrattenere il raduno e mostrare la sua potenza, cosa facciamo? Bene, stavamo dando una grande partita di Calcio e Oprah!

Nello stadio o nell’opera, troviamo la dimensione leggendaria di cui parla Roland Barthes. E se torniamo indietro nella storia, siamo nelle piazze dell’antica Roma. per principio, Giocatori o cantanti: stesso combattimento ! È difficile immaginare un significativo rotolamento a terra dopo un brusco fallimento … ma ci si aspetterebbe da entrambe le parti azioni e imprese eroiche – come gladiatori, a volte gettati nel deserto. Reagisce come un orologio. Se fallisci, fischiettiamo e andiamo… Ma se una buona azione finisce con un goal o con un C alto (fiammeggiante)… allora ci siamo!

READ  Una giornata aperta per visitare i club e i bar di Montreal

Commentatori di calcio, tifosi che si ignorano a vicenda?

Alcuni commentatori di calcio mostrano capacità vocali eccezionali degne dei più grandi cantanti. Questi sentimenti intensi vissuti insieme, queste manifestazioni collettive… questo è quello che stiamo cercando. L’oppio del popolo? Forse… Comunque, non è un caso che le produzioni operistiche vengano regolarmente portate negli stadi, e viceversa. A Roma quest’anno è di nuovo “Nesun Dorma” Turandot Di Puccini, che ha suonato durante la cerimonia di apertura dell’Euro… una melodia su misura per il lancio di una competizione sportiva con le sue parole di chiusura: All’alba hanno vinto, hanno vinto : All’alba sarò il vincitore e sarò il vincitore!

In collaborazione con L’Equipe

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *