Bagnaia è più veloce di Quartararo

Il francese Fabio Quartararo, capitano del Campionato del Mondo MotoGP dopo tre gare, è succeduto all’italiano Francesco Bagnaya al termine della seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Spagna.

La battaglia per il Campionato del Mondo MotoGP è feroce. Il francese Fabio Quartararo ha pagato la gara venerdì a Jerez. È stato Francesco Bagnaya, passeggero della sua Ducati, ad aggiudicarsi il primo posto nel secondo turno di prove libere.. Dopo il tempo di 1’37 “209, l’italiano non è riuscito a sorpassare, e Quartararo è stato l’unico ad avvicinarlo, secondo a 0” 178. Così il francese ripercorrerà da vicino il percorso anche questo sabato all’inseguimento del al centro della scena a Jerez. I due piloti non mollano mai la gara, essendo arrivati ​​secondi e primi consecutivi nell’ultimo Gran Premio in Portogallo.

Il duo e gli altri

Per quanto riguarda gli altri piloti, Espargaro, Morbidelli, Viñales, Nakagami, Oliveira, Rins e Binder, hanno avuto buoni tempi nei primi dieci o molto vicini. Da parte sua, Johan Zarco IX segue gli altri in questa seduta e si rifà anche ai tempi di Francesco Bagnaya, nei commenti citati. Sport motoristici : « Ovviamente penso che vada nella giusta direzione perché anche quando se ne va trova il suo ritmo e va avanti molto velocemente. Il suo secondo posto a Portimao è segno che stava camminando veloce senza affaticarsi, altrimenti non avrebbe resistito fino alla fine. “

READ  L'Europeo: escluse Leicester City e Real Sociedad, i passaggi del Milan sono estremi

Dall’altro lato, Joan Mir, campione del mondo, è solo 13 ° nel Gran Premio d’Italia contro 0 “831. Delusione per lo spagnolo, ma è terzo nel Gran Premio del Portogallo”. Sedicesimo, poco meno di un secondo sotto il benchmark, Marc Marquez si sta lentamente riprendendo dall’infortunio al braccio, prendendo tempo per tornare più forte.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *