Avversità: esperienze di vita negative e vulnerabilità cerebrali

Avversità: esperienze di vita negative e vulnerabilità cerebrali

Diversi studi hanno già suggerito che le esperienze di vita negative possono contribuire a vari problemi di salute mentale a causa della loro associazione con il funzionamento del sistema cortico-limbico. Sebbene gli studi abbiano fornito prove di questi effetti nei modelli animali, i risultati sugli esseri umani devono ancora essere chiariti. Precedenti meta-analisi infatti non sono riuscite a identificare un’associazione coerente di eventi cerebrovascolari avversi con questa esposizione.

Un cambiamento nella reazione del cervello adulto alle diverse sfide della vita

Meta-analisi Che si è concentrato su 83 studi di neuroimaging (fMRI) che hanno preso in considerazione il concetto di avversità, trauma psicologico, disturbo da stress post-traumatico (PTSD), abuso, maltrattamento, povertà e stress e tra gli effetti valutati c’erano la regolazione delle emozioni o i disturbi emotivi E la memoria. Elaborazione della memoria, controllo inibitorio, funzionamento esecutivo, ricompensa o elaborazione della ricompensa. L’analisi rivela che:

  • Le avversità sono associate ad una maggiore reattività dell’amigdala e ad una diminuzione della reattività della corteccia prefrontale in un’ampia gamma di funzioni cerebrali o cognitive.
  • Queste risposte alterate sono state osservate solo in studi che hanno coinvolto partecipanti adulti e sono più pronunciate nei partecipanti esposti a gravi minacce e traumi.

Pertanto, questa meta-analisi degli studi fMRI sull’esposizione alle avversità e sulla funzione cerebrale conferma un cambiamento nella reattività del cervello adulto, di fronte a diversi fattori di stress e sfide della vita.

READ  Dopo Dune 2, un altro film di fantascienza di Denis Villeneuve!

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *