Australia: Nadal sta guadagnando slancio

Il terzino sta meglio, la fiducia cresce e la partita prende slancio: lunedì, Rafael Nadal ha giocato la sua “forma migliore” dall’inizio del torneo, raggiungendo i quarti di finale degli Australian Open senza tremare.

Come previsto, i russi Daniel Medvedev e Andrei Rublev hanno fissato la data del primo trimestre in Australia, mentre nella lotteria femminile gli americani erano fortemente rappresentati.

Nadal sta prosperando

Dopo settimane di inattività, le prime due partite su Eggshell e il terzo turno erano già un po ‘più convincenti, Nadal ha mostrato pubblicamente la sua soddisfazione per il raggiungimento dei quarti di finale e soprattutto per poter contare ancora una volta su un fisico in grado di sostenerla. Ambizioni.

L’italiano Fabio Fonini (17 al mondo) ha pagato lo scotto del ritorno in forma dello spagnolo, che ha perso 6-3, 6-4, 6-2 senza suspense.

“Nel primo set ho chiaramente raggiunto il mio miglior livello dall’inizio del torneo. Ma questo è normale, perché sono riuscito ad allenarmi per due giorni di seguito. Ho lanciato il numero 2 del mondo nel mondo.

E poiché ora ha “aumentato il (suo) carico di lavoro in allenamento”, il suo prossimo avversario, Stefanos Tsitsipas (VI), può aspettarsi una grande battaglia.

Il greco trarrebbe vantaggio dalla possibilità di salvare le forze in quanto ha approfittato all’ultimo minuto della perdita del suo avversario Matteo Perrettini, che non ha voluto rischiare l’infortunio allo stomaco apparso a fine partita. Il terzo round.

“L’ho sentito alla fine della partita contro Khachanov ed è stato peggio di quanto pensassi. Speravo andasse bene, ma siccome sono qui, non posso giocare”.

READ  Campionati di Adelaide | Vincono Serena Williams e Raphael Nadal

Medvedev e Rublev ci sono

Erano attesi, risposero presenti. Daniel Medvedev (quarto) e Andrei Rublev (8), imbattuti in Coppa ATP a febbraio, si incontrano mercoledì nei quarti di finale.

Il primo è stato rapidamente respinto dall’americana MacKenzie MacDonald (192) 6-4, 6-2, 6-3 in 89 minuti.

Nel 2020 e nel 2021, Medvedev, che ha vinto i 1000 Masters a Parigi e il Masters di fine anno, e poi la Coppa ATP con la Russia, ha ottenuto diciotto vittorie consecutive.

“Voglio sempre di più, ovviamente”, ha detto il finalista degli US Open 2019 e finalista del Grande Slam di New York 2020.

Lo attende ora Rublev, che ha beneficiato della rinuncia a Casper Rudd (28) dopo due set (6-2, 7-6).

“Avrei preferito essere in finale. Ma così siamo sicuri di avere ancora un russo in semifinale”, ha osservato Medvedev.

“Non possiamo aiutarla”, ha detto Roblev. “Fortunatamente, è nei quarti di finale e non prima”.

Per la prima volta nell’era open, tre giocatori russi sono stati tra gli ultimi otto giocatori in gara a un torneo del Grande Slam, l’inaspettato Aslan Karatsev, che è classificato 114 ° al mondo e dalle qualificazioni, dopo aver prenotato un posto lì in data. Domenica.

Brady Bigula, Stati Uniti 100%

Jessica Bigula (61) ha scritto alla sua collega americana Jennifer Brady (24) davanti alla telecamera che tutti firmano non appena vincono: “Ci vediamo al prossimo round, Jane.”

Brady ha risposto circa due ore dopo: “Ti sto aspettando, Jess”.

La prima ha superato una stagnazione nel secondo set battendo la mondiale N.5 Elena Svitolina 6-4, 3-6, 6-3. È stata premiata con i suoi primi quarti di finale del Grande Slam, all’età di 26 anni.

READ  The Cleveland Cavaliers ran out of power - and the players - in a 103-83 loss to the Orlando Magic

Per quanto riguarda la seconda, che si è rivelata raggiungendo i quarti di finale agli Australian Open lo scorso settembre, ha dominato Donna Vekic (33) con un punteggio di 6-1, 7-5, ed è stata attenuata dal dolore al ginocchio destro.

Con Serena Williams qualificata il giorno prima, le americane si sono qualificate tre nei quarti di finale.

Avrebbero potuto essere quattro, ma Shelby Rogers (57 °) non ha minacciato la numero uno al mondo Ashley Partey che ha vinto 6-3 6-4.

L’australiana, arrivata in semifinale lo scorso anno, affronterà Karolina Muchova (27) che ha eliminato Elise Mertens (16) 7-6 (5) 7-5, anche se è pessima, troppa mai partita.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *