assente dai Mondiali, l’Italia affonda contro l’Austria!

Assente dai Mondiali del Qatar, l’Italia ha sfidato questa domenica alle 20:45 l’Austria per la sua seconda amichevole. Dopo il 3-1 contro l’Albania, la Nazionale si è quindi recata a Vienna per confermare e dimenticare questa terribile delusione in campo internazionale. Allineati nel 3-4-3, gli uomini di Roberto Mancini sono partiti con un terzetto difensivo composto da Acerbi, Bonucci e Gatti. A centrocampo Verratti ha affiancato Barella. Infine, Grifo e Politano circondarono Raspadori sul fronte dell’attacco.

Cosa c’è dopo questo annuncio

Un catastrofico primo atto…

Da parte sua, Ralf Ragnick ha puntato su un 3-4-2-1. In difesa, oltre all’inamovibile David Alaba, al fianco di Wober e Lienhart è partito il difensore del Bologna Posch. In un ruolo di doppio perno, Seiwald e Schlager hanno visto Sabitzer e Baumgartner completare il centrocampo. Solo in prima linea, Marko Arnautovic ha avuto il gravoso compito di ingannare la vigilanza di Donnarumma. In terra austriaca la Squadra Azzurra non tardò a distinguersi. Sulla sua fascia sinistra Dimarco, in campo con i colori dell’Inter, effettua un primo netto overflow ma il suo centrale viene infine deviato dalla difesa austriaca (1°). Nonostante questa prima interessante offensiva, l’Italia non ha confermato… Al contrario.

Amorfe e colpevoli di tanti sprechi sul piano tecnico, le azzurre si sono subito messe sotto pressione dai biancorossi. Approfittando di una perdita palla di Verratti a centrocampo, Arnautovic trova poi Schlager, che conclude agevolmente (1-0, 6°). Trascinati da questo primo gol, gli austriaci continuano il loro slancio e Adamu, servito da Arnautovic, regala un nuovo spavento alla difesa azzurra (15°). Incapace di vincere il minimo duello, la Nazionale ha comunque tremato quando lo stesso Adamu ha trovato il palo giusto di Donnarumma dopo un pessimo rilancio di Acerbi (30°). Dominando scandalosamente, l’Austria ha finito, logicamente, per prendersi la pausa.

READ  Serie A, Coppa Italia, Supercoppa, le date da sapere per la stagione 2022-2023

… un frustrante secondo tempo!

Su punizione dai 25 metri, Alaba manda un missile nelle gabbie azzurre (2-0, 35°). Vicinissima al 3-0 su un nuovo tiro di Sabitzer, superbamente respinto dal portiere del PSG, l’Austria ha avuto un po’ di paura prima dell’intervallo. Con un bel tiro, Politano ritrova Lindner, vigile sulla sua linea (42°). Al rientro dagli spogliatoi entrano in gioco Pessina, Chiesa, Zaniolo e Scalvini e il volto della partita cambia leggermente. Nonostante un’eccezionale prima parata di Donnarumma su un colpo di testa a bruciapelo di Posch (48′), la Squadra Azzurra si rivela più pericolosa. Molto attivo, Zaniolo è mancato però di precisione nell’aggiustare il suo recupero (52°). Stessa sorte per Barella, al termine di un magnifico movimento collettivo (53°).

Installati nel campo austriaco, i compagni di squadra di Verratti non sono riusciti a trovare la colpa, come questo nuovo tentativo, fuori inquadratura, di Chiesa (67°). Troppo velleitaria intorno all’area avversaria (3 tiri in porta su 17 tentativi), l’Italia si è abbattuta peraltro su un ottimo Lindner, imperiale in contropiede al tiro di Raspadori (71′). Più impreciso a fine partita, il country campione del mondo nel 2006 ha ottenuto, nonostante tutto, alcune situazioni ma anche qui Chiesa ha mancato di precisione tecnica (81°). Pessina, dal canto suo, lo ha visto, tiro deviato in extremis. Nonostante un secondo tempo più consistente, l’Italia alla fine ha perso (2-0) contro una bella squadra austriaca. Dal Qatar a Vienna, questa giornata del 20 novembre non passerà alla storia del calcio italiano.

Le formazioni ufficiali al calcio d’inizio

Italia XI

Austria titolare XI

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.