Apple ha stretto un accordo con un cliente le cui foto private sono trapelate

Apple ha pagato diversi milioni di dollari a un cliente iPhone per far pubblicare le sue foto da un riparatore certificato Apple. Nel 2016, uno studente ha inviato il suo iPhone per la riparazione al Pegatron Center in California, un distributore autorizzato Apple. Mentre il telefono veniva riparato, due dipendenti hanno pubblicato dieci foto dello studente su Facebook. Togliti i vestiti e in un video sexy I video sono stati postati direttamente sull’account dello studente in una modalità ritenuta essere quella che li ha pubblicati.La giovane donna è stata avvertita dai suoi parenti, ha subito cancellato i post e licenziato i due dipendenti.

Quindi il suo avvocato ha difeso l’invasione della privacy, avvertendo della cattiva pubblicità che intentare una causa potrebbe costare ad Apple. Questi argomenti hanno chiaramente convinto l’azienda, che ha accettato di pagare diversi milioni di dollari per evitare una causa. L’importo esatto non è noto, ma si sa che il suo avvocato ha chiesto 5 milioni di dollari. La vittima doveva anche firmare un accordo di riservatezza che le impediva di discutere il caso o di divulgare l’importo concordato tra le due parti.

Un rappresentante di Apple ha dichiarato in una dichiarazione: Prendiamo molto sul serio la privacy e la sicurezza dei dati dei nostri clienti e disponiamo di una serie di protocolli per garantire che i dati siano protetti durante tutto il processo di riparazione. Quando siamo venuti a conoscenza di questa flagrante violazione delle nostre politiche presso uno dei nostri fornitori nel 2016, abbiamo preso provvedimenti immediati e da allora abbiamo continuato a rafforzare i nostri protocolli di vendita. »

READ  I Voce Ventu hanno rivelato il loro ultimo album

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *