Anticipare un’ondata di caldo con 9 mesi di anticipo?

A rigor di termini, questa non sarebbe una previsione del tempo, perché non prevederebbe le temperature giorno per giorno. Ma sarebbe comunque un balzo in avanti rispetto alla situazione attuale, dove l'”allerta ondata di caldo” può essere inviata, nella migliore delle ipotesi, solo una o due settimane prima.

Lo spiega un team della US Oceanic and Atmospheric Agency (NOAA) guidato dal ricercatore Liu Jia del Laboratory of Fluid Geophysics in Lussemburgo. articolo È stato pubblicato il 24 marzo, dopo aver fatto affidamento sulle ondate di caldo nordamericane dal 1992 al 2019 per costruire il suo modello e ha affermato che sarebbe stato affidabile fino a nove mesi in anticipo in alcune regioni degli Stati Uniti o del Canada.

I principali fattori alla base dell'”andamento” dell’ondata di caldo nordamericana sono meno numerosi di quanto si possa immaginare: in primo luogo, sembra che si possa parlare di una correlazione tra le temperature superficiali degli oceani (Nord Atlantico e Nord Pacifico) e il livello di umidità del suolo in gli stati centrali Uniti. E c’è il fenomeno El Niño che, a intervalli irregolari, riscalda le acque superficiali dell’Oceano Pacifico e provoca un effetto domino sul continente.

Foto: ondata di caldo di giugno 2021 che colpisce gran parte del continente / NOAA

READ  Vincent Lemieux, costruttore delle nostre scienze politiche

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.