Angela Merkel vede nel potere economico la risposta a tutti i problemi politici.

piattaforma. Tra tutto quello che ha detto durante i suoi sedici anni in cancelleria spicca una frase di Angela Merkel che resterà nella memoria dei tedeschi: per alcuni, più che per i liberali di sinistra, come la Merkel. Dimostra che è quasi immune alle critiche, quando ad altri, dal lato nazionalista conservatore, questa frase sembra essere l’apice del tradimento.

No, non sto parlando della sua fama “Ce la facciamo!” – “Arriveremo!” – con cui, nel 2015, ho incoraggiato i tedeschi a completare l’integrazione di un milione di profughi. Parlo di questa frase da lei pronunciata per giustificare la sua decisione, nel settembre dello stesso anno, di aprire le frontiere a questi uomini, donne e bambini affamati e congelati: “Se vogliamo iniziare a scusarci per aver mostrato una faccia amica in caso di emergenza, allora è tutto [plus] Mio paese. “

Lavoro umanitario

con questo “faccia amica”, Voleva parlare di una figura umana, di un atto umano. E alla fine della frase, ha detto quanto questo significhi per lei. Queste parole non erano opportunistiche, né ipocrite, ma sostanzialmente oneste. Anche i socialisti, i sostenitori del partito di sinistra D-Link o gli ambientalisti di Groenen (i Verdi) l’hanno portata e rispettano ancora questa frase. La forza di Angela Merkel, che ha portato avanti durante i suoi sedici anni di lavoro in Cancelleria, non è mai stata quella di indulgere in affari puramente opportunistici.

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche Angela Merkel presume di aver agito in modo “umano” aprendo il confine tedesco nel 2015

Tuttavia, sta di fatto, inoltre, che le sue convinzioni politiche, in quasi tutte le circostanze, erano molto convenienti per la maggioranza dei tedeschi: comode, capaci di radunare la maggioranza, in accordo con gli interessi economici nazionali. Anche questa frase che vi ho trasmesso era appropriata all’epoca: una grande ondata di solidarietà ha investito per breve tempo la Germania, trasformandola in un Paese ospitante. Ma non è durato – e presto la Merkel ha cercato di passare alla Turchia [en mars 2016]e E anche con la Libia, accordi sospetti o addirittura sporchi, che non hanno più nulla in comune con questo volto umano.

READ  GP d'Italia - GP d'Italia Prove libere FP1: "papa" Viñales davanti a Zarco e Rins

Uscire dal nucleare

Tali tempestive battute d’arresto si sono verificate anche in altri settori politici. Ad esempio, come primo passo, per servire gli interessi delle multinazionali, il governo Merkel ha in gran parte negato l'”uscita nucleare” (cioè la chiusura delle centrali nucleari) pianificata dal governo di coalizione “Rosso e Verde” di Gerhard Schroeder. Poi, dopo l’incidente nucleare di Fukushima nel marzo 2011, la Merkel ha cambiato radicalmente posizione, chiedendo a sua volta una rapida eliminazione dell’energia nucleare.

Hai il 73,59% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *