André Trudel: da mastro birraio a enologo

ALCOOL. Discreto dopo la vendita di Trou du Diable (TDD) cinque anni fa, André Trudel sta facendo un notevole ritorno questa settimana nel mondo dell’alcool lanciando, oh sorpresa, un vino prodotto in Italia…

L’alchimista del luppolo dietro La Buteuse, La Grivoise, L’Apocalypso e molte altre birre che hanno reso famoso il microbirrificio Shawinigan ha intrapreso questa nuova avventura con Giovanni Campari, fondatore del microbirrificio italiano Del Ducato, con il quale aveva siglato alcune collaborazioni birre dai tempi del TDD.

“Entrambi amiamo la birra, ma abbiamo sempre avuto una passione per il vino”, spiega André Trudel, che ha iniziato a gettare i semi per questo progetto tre anni fa durante una visita al suo amico in Liguria, nel nord-ovest dell’Italia, il mare. Avendo fatto il bagno nel luppolo negli ultimi due decenni, è logico sotto il nome di Wine Brewers che il duo commercializzerà la loro linea di vino in futuro.

Vino rosato arancione e scuro

Utilizzando uve Vermentino del vigneto Cantina San Steva in Liguria, è di Is This It, un orange wine – affinato 8 mesi in vasche di acciaio inox e vecchie botti di rovere prima di essere rimescolato – con note di pesca, di albicocca e pepe rosa che il I produttori di vino rompono il ghiaccio.

“Lavoriamo davvero nella filosofia dei vini naturali. Non aggiungiamo lievito, enzimi, batteri e infine solfiti”, sottolinea André Trudel, che lancerà ufficialmente il suo primo vino questo mercoledì 14 dicembre durante un aperitivo al Buck, a Trois-Rivieres.

Questa prima cuvée dell’annata 2021 ha portato 2.500 bottiglie che i due soci si sono divisi equamente. “Ho 200 casse da 6 bottiglie che commercializzo in Quebec tramite un’agenzia privata (Le QV). Ne ho 100 ora e ne riceverò altri 100 la prossima primavera. Per l’annata 2022, che sarà lanciata nell’autunno del 2023, i Wine Brewers torneranno con Is This It, ma in una versione più rinfrescante. “Questo lo facciamo fermentare in una vasca di cemento a forma di uovo. Darà un vino in più per gli aperitivi”, prevede André Trudel.

READ  Euro - Euro U19: la Francia parte col botto contro l'Italia
Le etichette della prima annata di Is This It sono state create da Julie Levasseur, artista e sposa di André Trudel. (Foto per gentile concessione)

Sono infatti in preparazione in Italia quattro cuvée che dovrebbero produrre complessivamente 11.000 bottiglie. Il duo ha fermentato in particolare le uve dei vitigni Vermentino, il re dei vitigni bianchi in Liguria, con un pinot nero proveniente da un vigneto lombardo. “Darà un rosato scuro che vediamo soprattutto in Austria e che chiamiamo lì miscela di campo. »

André Trudel e Giovanni Compari si definiscono produttori di vino zingari che intendono produrre i propri vini con viticoltori titolari accettando questo tipo di partnership. “Attualmente siamo alla Cantina San Steva, ma abbiamo preso di mira un vigneto più grande a nord-est di Venezia che lavora con il vitigno Friulano. Abbiamo in programma di andarci per il 2023 o il 2024 ”, rivela l’ex co-fondatore di TDD.

Un whisky svizzero…

Parallelamente a questa incursione enologica che occuperà gran parte del suo tempo in futuro, André Trudel ha fatto una deviazione nel mondo dei distillati. Il nativo di Shawinigan aveva investito tre anni fa nell’attività di un amico svizzero, Salim Hogga, specializzata nella vendita di whisky di fascia alta dalle riserve dei principali produttori scozzesi. Whisky Is The Limit (whiskyisthelimit.ch) offre una versione più giovane e funky dell’immagine più conservatrice del whisky tradizionale.

“Inizialmente, il mio sostegno era finanziario, ma qualche mese fa ho suggerito di produrre il nostro whisky. Sono andato lassù e abbiamo preparato il nostro whisky mash in un microbirrificio di un mio amico. L’abbiamo portato in una distilleria locale e poi invecchiato in botti di rovere. Ciò ha portato a un whisky svizzero al 100%, prodotto con malto di Ginevra, acqua di Ginevra, prodotto in un microbirrificio di Ginevra e invecchiato in una distilleria di Ginevra. Ne sono piuttosto orgoglioso”, afferma André Trudel.

READ  Elezioni politiche italiane: "In Italia il centrodestra è diventato antieuropeo" assicura Enrico Letta

… e un liquore Bécancouroise

Infine, il mastro birraio si è riallacciato professionalmente anche con il suo amico Isaac Tremblay, ora alla Distillerie du Quai a Bécancour. I due veterani del TDD hanno architettato un amaro che verrà lanciato nei prossimi giorni.

“Durante la pandemia mi sono interessato ai liquori alle erbe come gli amari o gli amari che sono molto popolari in Italia. Ho preparato alcune ricette piuttosto interessanti e con Isaac abbiamo dei progetti che vogliamo sviluppare alla Distillerie du Quai. È stato divertente riunirsi per fare un progetto dalla A alla Z come ai tempi all’inizio di Trou du Diable. »

André Trudel non dice che un giorno non si ricollegherà al suo primo amore, la birra, ma per ora dice che vuole dedicarsi al vino e ai liquori alle erbe. Dice di ritrovare in questi progetti lo spirito artigiano che lo stimolava nei primi anni di Le Trou du Diable. “Non ho detto la mia ultima parola per la birra, ma non subito”, conclude.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.