Ancelotti lascia poche speranze ad Hazard: “Ha la personalità per scegliere il meglio per la sua carriera”

Eden Hazard si trova in una situazione difficile al Real Madrid. Dopo una serie di partite consecutive lo scorso dicembre senza alcun problema fisico, il Diavolo è stato da allora confinato in panchina. La scorsa settimana non ha giocato un minuto nelle due partite di Supercopa vinte dal Real Madrid.

In una conferenza stampa prima della partita di Copa del Rey contro l’Elche, Carlo Ancelotti ha annunciato che Courtois non faceva parte del girone per motivi privati, ma ancora una volta ha fatto riferimento al caso Hazard.

E forse la situazione non è cambiata per la squadra di Brenoa giovedì in Coppa: Contro l’Elche giocherò la migliore squadra possibile, ma valuterò lo stress di chi ha giocato domenica sera”.Ha spiegato, prima di uccidere le speranze dei tifosi del Brenoa, “Al momento non credo che Vinicius sia stanco, quindi penso che potrà giocare. Quando la sua prestazione sarà meno buona gli darò una pausa ma non è così”.

Come in quasi tutte le conferenze stampa, anche il tecnico italiano è tornato sulla situazione personale di Satana e sulla sua assenza dal campo nelle ultime settimane: “Non è successo niente con Hazard se non per il fatto che c’è molta competizione nella squadra e devo scegliere il miglior XI possibile in ogni partita. Colpisce molti giocatori, non posso negare che questo vale anche per altri giocatori come Bale, Nacho, Ceballos o Isco. O Jovic… In questo momento si sta allenando e aspetta il mio segnale ma sento che sarà pronto quando avremo bisogno di lui”.

“Partire a gennaio? Al momento è ancora di Madrid. Si sta allenando con noi, resta concentrato sul club e non pensiamo ad altro”, Ancelotti incatenato su una possibile partenza del belga. Ma l’italiano sa di non poter dare ad Hazard quello che vuole, ovvero il tempo di gioco: “Non devo consigliare Hazard. Ha la personalità e l’esperienza per scegliere il meglio per la sua carriera”.

READ  Dieci momenti magici delle Olimpiadi di Tokyo 2020

Non sono le parole di un allenatore che vuole tenere a tutti i costi il ​​suo giocatore…

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.