Amo piangere. Rilasciato in DVD presso Condor Films

Scritto da Valerie Mocci

la pellicola Amo piangere È adattato da E.M. Foster, un autore inglese dell’inizio del XX secolo a cui piaceva usare versi di autori che amava per realizzare i titoli dei suoi romanzi: Alexander Pope per Dove gli angeli hanno paura di entrare Et al … Walt Whitman ha lanciato un “Room with a View”.
Montriano – Dove gli angeli non osano mettere piede, Il titolo della versione italiana, rimane più fedele alla lingua inglese e traduce letteralmente il titolo dell’originale Dove gli angeli hanno paura di entrare.

Il film è stato prodotto nel 1991 Amo piangere Al culmine degli adattamenti cinematografici di Foster, un decennio prospero, negli anni ’80 e ’90, molte delle sue opere furono adattate per il cinema da David Lynn e in particolare da James Ivory.
Perché Love in Tears, come altri film adattati da Foster, è un film inglese diretto da Charles Sturridge, il regista inglese.

Il cast è eccezionale, poiché riunisce i più grandi attori, oltre all’inglese, Helen Mirren, Helena Bonham Carter, Robert Graves e l’australiana Judy Davis. Il ruolo è interpretato dal bel italiano Giovanni Gidelli, nativo della Toscana, che ha iniziato la sua carriera con i fratelli Taviani nel Notte di San Lorenzo (Notte di San Lorenzo).
Notevoli attori si possono trovare anche in vari adattamenti dei romanzi di Foster: Judy Davis in La Route des Indes (A Passage to India) 1984 di D.Lean, Helena Bonham Carter e Robert Graves in Chambre avec vue (una stanza con vista) 1985 , Maurice 1987, poi Helena Bonham Carter da sola In Retour à Howards End (Howards End) 1992, questi quattro film sono diretti da J. Ivory

READ  L'Atalanta presenta la prima vittoria in 20 anni contro la Juventus, in totale sospetto

La Toscana è al centro della storia, e in particolare la città di San Gimignano, l’ispirazione di Foster, interpretata da Sturridge, è diventata più romantica. La folle corsa di Lilia per prendere una carrozza trainata da cavalli che sfreccia lungo le strade tortuose di famose colline ne è la testimonianza. In questa scena, Sturridge raffigura le caratteristiche care all’epoca alle anime tormentate, la dolcezza della vita punteggiata da brutale brutalità.

Lilia, interpretata da Helen Mirren, è da poco rimasta vedova, non sostenuta dall’influenza della sua bella e militante famiglia borghese. Poi ha deciso di lasciare la Londra vittoriana per un viaggio in Toscana con la sua amica Miss Abbott, (Helena Bonham Carter), un’altra amante. Dal bel paese Lilia vuole succhiare la bellezza italiana che suo genero Philip (Robert Graves) ha tanto elogiato e trova un po ‘di libertà. Ci riesce quando incontra Gino, (Giovanni Gedelli), un bel giovane dentista, molto più giovane di lei. Si innamora e si sposano all’istante. Ma questo è contrario al consiglio di Herritons, poiché il giovane non ha titolo o fortuna e potrebbe danneggiare la reputazione della famiglia. Poi Philip e sua sorella Harriet (Judy Davis) furono mandati a La Toscana per cercare di ristabilire l’ordine in questa situazione incontrollabile. In Italia, Lilia. È felice, ma non sa che il suo tragico destino la attende …

Come il romanzo, la parodia cinematografica di Charles Sturridge sviluppa la natura impenetrabile delle differenze sociali. Descrive il contrasto tra lo stile di vita inglese, soffocato dall’autocontrollo e dalla paura di “quello che diremo”, e il focoso italiano con libertà e gioia di vivere.

READ  Coppa Italia: la Juventus fa una scelta in finale battendo l'Inter (1-2, video)

Charles Sturridge nei suoi 40 anni di carriera è soprattutto il regista di serie TV come MotherFatherSon del 2019 con Richard Gere o Shackleton nel 2002 con Kenneth Branagh. E se si è sempre circondato di attori famosi, dirige solo 7 film per il grande schermo, e non c’è dubbio che il motivo dietro The Love in Tears sia secondario rispetto a un decennio di film dedicati all’opera di Foster. Ma le interpretazioni sono sgargianti, Helen Mirren risplende come una vedova felice, e Judy Davis è molto divertente nei panni di Harriet, la sorella single sovralimentata, Helena Bonham Carter, problematica e tormentata in amore, e Robert Graves come genero che è anche misterioso e amorevole, lo stile è stato rimosso, i dialoghi e gli splendidi paesaggi in Toscana.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *