Algeria: Scoperta di un grande giacimento di gas

PARIGI (Reuters) – La Russia ha ammesso lunedì che il pagamento degli interessi sul proprio debito non ha raggiunto i creditori, facendo rivivere lo spettro di un default anche se Mosca per ora lo nega. Cosa accadrà ora?

Perché il rischio di insolvenza riemerge?

La Russia avrebbe dovuto pagare 100 milioni di interessi sul suo debito il 27 maggio, una scadenza con un periodo di grazia di un mese scaduto domenica.

Il ministero delle finanze russo ha affermato di aver pagato i soldi in valuta estera a partire dal 20 maggio. Ma lunedì ha riconosciuto che il denaro non è arrivato ai creditori perché gli intermediari bancari hanno trattenuto i pagamenti a causa delle sanzioni imposte dai paesi occidentali a seguito della guerra in Ucraina.

Gli Stati Uniti hanno impedito a Mosca di rimborsare il proprio debito in dollari dalla fine di maggio.

Come fai a sapere se la Russia è effettivamente in default?

Tradizionalmente, sono le principali agenzie di rating (Fitch, Moody’s, S&P Global Ratings) a formalizzare i default nello stato.

Con le sanzioni, “ora è loro vietato fare riferimento ai titoli sovrani russi. Potremmo avere un default di fatto senza una dichiarazione formale da parte di un organismo autorizzato”, spiega Eric Dorr, direttore degli studi economici presso IESEG Business School.

Ora spetta al comitato dei creditori, il Credit Derivatives Determination Committee (CDDC), valutare se la Russia sia inadempiente o meno. Pertanto, questo comitato registrato all’inizio di giugno lo scorso Mosca non ha pagato $ 1,9 milioni di interessi per ritardare il pagamento in una scadenza precedente.

Sarà anche lui a decidere se attivare i CDS (credit default swap), che sono prodotti finanziari che fungono da garanzia contro il default del debito.

READ  Saeed riceve il ministro degli Esteri italiano

Dal canto suo, Mosca afferma che “la mancanza di fondi per gli investitori non è il risultato di un mancato pagamento ma il risultato di azioni di terzi, che non sono considerati direttamente (…) come un evento di default”.

Quali saranno le conseguenze dell’inadempienza?

L’ultimo default della Russia sul debito estero risale al 1918 e alla decisione di Lenin di non ripagare i debiti del regime zarista.

In caso di un nuovo default, “la Russia non potrà più prendere prestiti in valute internazionali”, avverte Salim Souissi, professore e ricercatore presso l’Institute of Experts dell’Università di Caen ed ex analista finanziario di Fitch. “A breve termine, sarà difficile raccogliere fondi dai mercati internazionali” e questo potrebbe andare avanti per “anni”.

Un default può avere conseguenze disastrose: in Argentina, una moratoria del 2001 sul rimborso di un debito internazionale di circa 100 miliardi di dollari ha fatto precipitare il Paese in una profonda crisi economica, politica e sociale. L’insolvenza del Messico nel 1982 è stata seguita da una crisi del debito in altri paesi in via di sviluppo.

Ma la situazione in Russia è un po’ diversa. Secondo Eric Dorr, “ci sono pagamenti per circa 2 miliardi di dollari entro la fine dell’anno, ma questo non destabilizzerà” il sistema finanziario globale.

D’altra parte, la situazione potrebbe trasformarsi in un grattacapo legale: gli obblighi della Russia sono particolarmente vaghi per quanto riguarda la giurisdizione in grado di dirimere le controversie tra prestatore e mutuatario, secondo gli esperti legali intervistati dall’AFP.

In che modo la Russia sta cercando di evitare il default?

READ  L'entrata in vigore dell'accordo sui confini marittimi tra Grecia e Italia

Per aggirare il divieto di pagare il proprio debito in dollari, Mosca assicura che gli importi dovuti ai suoi creditori, in rubli, siano disponibili presso la National Settlement Depository Authority (NSD), un’entità finanziaria russa.

Se “il pagamento in rubli non è previsto nel contratto di questi obblighi, questo è considerato un mancato pagamento”; Tuttavia, avverte Salim Souissi.

Mosca sostiene che il sistema consente ai detentori di debiti della Russia occidentale di riavere i propri soldi, richiedendo una conversione nella valuta di loro scelta dagli importi depositati in rubli nel NSD.

Ma ottenere denaro dalla Russia è ancora difficile e “gli investitori erano comunque riluttanti ad aprire conti in NSD”, osserva Eric Dorr, direttore degli studi economici presso IESEG.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.