Algeria e Roma firmano un contratto da 570 milioni di euro – Jeune Afrique

il gruppo La società algerina di petrolio e gas Sonatrach Annunciata la firma di un contratto del valore di circa 400 milioni di euro con la società italiana Tecnimont per la realizzazione di un impianto per l’estrazione di gas di petrolio liquefatto (GPL) nel deserto algerino.

leggere

Algeria: Sonatrach sulla strada giusta

Sonatrach ha indicato che l’impianto consentirà lo sviluppo del giacimento di idrocarburi Roord El Bagel a Hassi Messaoud, nello stato di Ouargla, a sud-est dell’Algeria. un Dichiarazione di giovedì 27 ottobre. “La capacità di lavorazione prevista di questo impianto è di 10 milioni di m3/giorno di gas associato, consentendo la produzione di 1.000 t/giorno di GPL, 300 t/giorno di condensato e 8,7 milioni di m3/giorno di gas, per un periodo di completamento di 36 . I mesi.

Riserve di 2400 miliardi di metri cubi

Inoltre, nell’ambito dello sviluppo degli idrocarburi a livello del giacimento di gas di Ten Foyer-Tabancourt nel governatorato di Illizi (sud-est), è stato firmato tra il Gruppo TFT un secondo contratto da 24 miliardi di dinari (170,9 milioni di euro). (Sonatrach-TotalEnergies) e la società italiana Arkad.

leggere

Algerian Gas: come Sonatrach vuole aumentare i prezzi per i suoi clienti europei

Questo secondo contratto riguarda la realizzazione di una nuova unità di compattazione a bassa pressione, una rete di montaggio che consente il collegamento di 24 unità il nuovo Produzione di pozzi presso l’impianto esistente, nonché riparazione di strutture esistenti. Tale progetto, della durata di 34 mesi, consentirà di mantenere il plateau di produzione del gas a 11 milioni di metri cubi.

READ  Borsa: La Banca Centrale Europea è più aggressiva del previsto e una crisi politica italiana nella spada di Damocle

L’Algeria, che ha riserve accertate di gas naturale di quasi 2.400 miliardi di metri cubi, fornisce circa l’11% del gas consumato in Europa, rispetto al 47% della Russia. Il Paese del Maghreb è il primo esportatore africano di gas naturale e il settimo al mondo. Diversi paesi, soprattutto europei, hanno cercato di ridurre la loro dipendenza dalle spedizioni russe dall’invasione dell’Ucraina, ma gli esperti Ha messo in dubbio le capacità del paese nordafricano per aumentare la sua produzione breve termine.

(con AFP)

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.