Al Museo di Tolosa, la scienza scrive il romanzo La mummia

Aperta dieci giorni prima della festa di Ognissanti e della Commemorazione dei defunti, la mostra del Museo di Tolosa dedicata alle mummie non è solo un gruppo di corpi conservati dopo la morte, siano essi provenienti dall’Egitto o dal deserto cileno di Atacama. È soprattutto un’opportunità per i visitatori, chiunque essi siano, di mettere in discussione il loro rapporto personale con la morte e la sua manifestazione immediata più vicina, il cadavere.

Nella maggior parte delle società umane, i resti sono nascosti, persino nascosti, come se fossero tabù. Parodia Tartouf Molière, stiamo giocando “Copri questo corpo, che non posso vedere, con queste cose feriscono le anime”. Infatti, sia che finisca come cenere in un’urna, sia che venga fatta a pezzi e lasciata come cibo spazzatura, o addirittura mangiata dai parenti del defunto durante i rituali cannibali, il corpo carnoso il più delle volte finisce per scomparire, diventando al massimo uno scheletro.

Pulcino trasparente.

Eppure dei circa 100 miliardi di esseri umani che ci hanno preceduto, alcuni conservano, nella loro esistenza postuma – se possiamo sopportare l’apparenza paradossale – della parvenza di vita che erano. La carne e la pelle delle ossa hanno resistito agli squadroni della morte, a quegli insetti e batteri che provocano putrefazione e putrefazione intollerabile.

Rassicurare i morti la vita eterna

Così la fiera di Tolosa racconta questo racconto delle mummie, partendo dalle mummie artificiali, quelle realizzate dall’uomo grazie al corretto trattamento dei cadaveri, come avveniva in particolare nell’antico Egitto per assicurare la vita eterna al defunto – a patto che il suo comportamento morale lo consenta . Una parte importante è data anche alle mummie delle Ande, la regione dove furono inventate le prime tecniche per la conservazione dei cadaveri.

READ  Notizie - Facoltà di Scienze e Ingegneria
Statua femminile di Chancay.

Tuttavia, ci sono altre categorie di mummie. Quindi, abbiamo condizioni naturali, quando l’ambiente è un fisico-chimico speciale – siccità o freddo estremo, torbiere … Ci sono anche casi scientifici, e si pensa in particolare ai peluche bolliti dell’anatomista francese Honoré Fragonard (1732 – 1799) o i cadaveri di Lenin e Mao Zedong abilmente mummificati.

Leggi anche Decine di mummie di più di duemila anni sono state scoperte in Egitto

Per organizzare questa mostra di un tipo piuttosto speciale, il Museo di Tolosa ha dovuto rispondere a una domanda delicata: cosa non dovrebbe offendere il pubblico, anche se sapeva cosa aspettarsi? Perché faccia a faccia con un vero cadavere non ha una misura comune con la visione di un lungometraggio, non importa quanto possa essere inquietante e sanguinante. Si è quindi deciso di esporre i resti umani dietro un vetro unidirezionale, accompagnati da una specifica infografica. Il visitatore lo incontra solo con un atto volontario, premendo l’interruttore di illuminazione della mummia. Quindi possiamo scegliere di sfuggire alla morte, almeno in questo momento.

Hai il 3,6% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.