Ad Antakya, la città martire turca: “La mia voce non farà rivivere i miei parenti”

Ad Antakya, la città martire turca: “La mia voce non farà rivivere i miei parenti”

Antakya: Davanti alla stazione degli autobus di Antakya, città nel sud della Turchia devastata dal terremoto del 6 febbraio, la famiglia Yener è scesa con due valigie dei pazienti.

“Siamo tornati qui in autobus da Mersin per le elezioni presidenziali e legislative di domenica”, spiega Metin Yanir, arrivato da questa città portuale a cinque ore di distanza.

Nella notte del 6 febbraio, l’edificio è parzialmente crollato sotto l’influenza del terremoto di magnitudo 7,8 che ha ucciso almeno 50.000 persone contate nel sud della Turchia. La vita familiare è cambiata, quindi “questa elezione è importante”.

Metin e sua moglie Zubeida voteranno per Kemal Kilicdaroglu, il principale oppositore del presidente Recep Tayyip Erdogan, che sta bene nei sondaggi: “Abbiamo speranza”, sorride.

Nel parcheggio si incrociano gli autobus. Molti residenti costretti a fuggire dalla loro città, ridotta a una landa desolata, tornano, come loro, a votare ad Antakya.

Nel suo minuscolo negozio che accumula bottiglie d’acqua, pacchetti di patatine fritte e batterie esterne che vende ai viaggiatori frettolosi, Mithath, baffi sottili e giacca senza maniche, guarda il balletto.

Non vede l’ora che arrivi il doppio scrutinio di domenica. “Durante il terremoto lo Stato ci ha trascurato. I primi tre giorni nessuno è venuto ad aiutarci”.

Il commerciante di 55 anni non ha voluto dare il suo cognome “per paura che fosse archiviato” e non ha detto per chi avrebbe votato: “E’ un segreto”.

“Ma voterò con la mia coscienza”, dice.

– “assassini” –

Davanti allo stand, Serdal Anil, 21 anni, ha annunciato che voterà per Kemal Kilicdaroglu, leader del CHP, a capo di una coalizione di sei partiti di opposizione.

READ  "Forum Nazionale della Diaspora" in Italia per incrementare i progetti di cooperazione economica con l'Africa

«A causa del terremoto e dell’economia la vita si è complicata», scivola il giovane dalle tempie rasate, che da tre mesi è rannicchiato in una tenda con i genitori.

La situazione si fa pesante, “sempre più serpenti cercano di entrare nelle tende”. Non teme che il cambio alla guida del Paese ritarderà la ricostruzione.

“Lunedi [candidats] Saranno in grado di farlo, sono lo Stato”, dice.

A cinquecento metri di distanza, il CHP stabilì il suo comando regionale sotto quattro grandi tende color sabbia, lungo un’autostrada. Il suo sedile non è sopravvissuto al terremoto.

Sotto una delle tende, Hakan Teriyaki, capo del Partito popolare repubblicano nella provincia di Hatay, ha affermato che nonostante le promesse di una rapida ricostruzione del presidente Erdogan, “un cambio di governo è l’unico barlume di speranza rimasto per i residenti”.

Ha detto che molti del milione di elettori del territorio voteranno in modo diverso quest’anno.

Persone che hanno votato per l’AKP [le parti du président Erdogan] Oggi dicono di essere loro stessi assassini”, ha sparato tra due chiamate, sotto un grande ritratto di Mustafa Kemal Ataturk, il padre della Turchia moderna.

Gli elettori fanno del loro meglio per venire a votare. Ci sono pazienti che rimandano il trattamento. Scommettono tutto su queste elezioni”.

– ‘Esito’ –

Alla stazione degli autobus, domenica lavorerà Mehmet Koyumcu, l’autista dell’autobus. non voterò. Non ho mai votato”, ammette.

Ho perso cinque dei miei parenti, c’entrano le feste? Non è il mio voto che li farà risorgere”.

Dall’altra parte del parcheggio, sotto la sua tenda sull’asfalto, Cancel Dugruel osservava la campagna solo da lontano.

READ  L'ex nazionale sostiene che il bacio forzato di Rubiales nasconde altri affari

“Non sappiamo cosa dicono i candidati, non abbiamo più né la TV né il telefono”, ammette la giovane madre con le guance scavate, la figlia di due anni e mezzo tra le braccia.

Suo marito, Murad, lava il parabrezza di un autobus a pochi metri di distanza.

“Sono settimane che aspettiamo una tenda e non è stato lo Stato a darcela”, piange la madre.

Tuttavia, si ritiene che il sopravvissuto voterà domenica per il presidente Erdogan, come nel 2018.

Il capo dello stato è stato rieletto al primo turno, poi ha ottenuto il 48,5% dei voti nella contea, quattro punti in meno rispetto alla media nazionale.

La giovane fa una pausa, poi riprende: “In realtà, vista la situazione in cui ci troviamo, non lo so più, esito”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *