“Abbiamo sbagliato con Villeneuve”

Richard Spinard ammette di aver riso quando ha letto un titolo da Registrati Nel 1987, Jacques Villeneuve si è visto un giorno campione del mondo di Formula 1.

Questo famoso pilota è stato un mentore per i giovani aspiranti piloti di sport motoristici del paese mentre ha contribuito all’emergere di Patrick Carpentier, Greg Moore e altri. Fu anche compagno di classe di Gilles Villeneuve, il padre di Jacques, in Formula Atlantic.

Co-fondatore della Spénard-David Driving School, ha potuto notare i primi giri di Jacques Villeneuve al volante di una vettura di Formula 2000 a Shannonville, Ontario, nel 1987.

“Conosco Jack da quando era molto giovane, quando ho corso con suo padre Jill in Formula Atlantic”, ha detto Spinard in un’intervista a Registrati.

Nel 1986, Jack fece alcuni giorni di addestramento presso la Jim Russell Flight School di Mont Tremblant. Poi, durante un viaggio a Monaco, la moglie di Giles, Joan, lo convinse a venire a continuare il suo apprendistato con noi a Shannonville. Cosa che fece l’anno successivo.

“Non si è rivelato niente di spettacolare”, ha detto Spinard. Ha fatto un’intera stagione nella nostra scuola. Non era necessariamente il più veloce. Più volte è riuscito a completare un giro veloce, ma non ha resistito. Ha commesso degli errori al giro successivo. Nulla, all’epoca, indicava che avesse un talento inquietante. »

Ad un certo punto suo zio Jack (fratello di Giles) venne a trascorrere alcuni giorni a scuola ed era più veloce di suo nipote.

Trigger in Giappone

Spénard possedeva la qualità di individuare piloti di talento.

falegname [qui a également été son élève] Era più naturale e più fermo di Villeneuve. Forse aveva un assaggio di competizione [le patinage de vitesse sur courte piste]A differenza di Jack che probabilmente non praticava molti sport che richiedono un alto grado di concentrazione. »

READ  Qualificazioni Mondiali 2022 - Italia - Macedonia del Nord: Donnarumma, la seconda Gioconda che preoccupa l'Italia

“Jack era decisamente più audace di quanto pensassimo. Ci volle molto tempo prima che vincesse le gare. Quando andò a correre in Italia (nel 1988), la gente non aveva molto da dire su di lui se non che era figlio di un generazione.

Ma tutto è cambiato quando si è trasferito in Giappone [1992] Là, i pianeti si sono allineati per lui. è diventato più serio. È qui che ha saputo sfruttare il suo talento. Nello stesso anno a Trois-Rivieres, su invito dei giocatori, ottiene il terzo posto. Le porte si aprirono per lui. »

Una curva a Cleveland

“Poi, nel 1995, mi sono ritrovato sul circuito di Cleveland. Villeneuve si assicura il comando e vince una gara della IndyCar Series. Mi ero messo ai margini della pista vicino a una curva molto difficile da affrontare ed è stato allora che ho capito che era bene. Sinceramente, le sue ginocchia si piegarono quando lo vidi camminare davanti a me. “Il giovane è bravo”, ricorda Spinard.

Nel 1987, Jack ebbe una visione che non era la nostra. Infine, era lui che aveva ragione quando si considerava un campione del mondo. In generale, ci sbagliavamo con Jack”.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.