AB Science: Masitinib potrebbe essere una nuova opzione per il cancro alla prostata

(AOF) – Al meeting annuale dell’American Urological Association (AUA) del 2021 sono stati presentati i risultati dello studio AB Science AB12003 su macitinib nel carcinoma della prostata metastatico resistente agli ormoni. carcinoma prostatico resistente agli ormoni (mCRPC) Qualificato per la chemioterapia.

Masitinib alla dose di 6,0 mg/kg/die in combinazione con docetaxel sembra fornire un beneficio significativo nella sopravvivenza libera da progressione (PFS) in pazienti con carcinoma prostatico metastatico ormono-resistente (mCRPC) che hanno ALP (livello di fosfatasi alcalina) ≤ 250 UI/m.

L’analisi dei tassi di pay-for-success è coerente con i risultati osservati all’endpoint primario; I tassi di PFS a 12, 18 e 24 mesi hanno mostrato un miglioramento significativo a favore di macitinib combinato con docetaxel rispetto al controllo.

Un effetto terapeutico progressivamente maggiore di macitinib è stato osservato nei pazienti con ALP bassa al basale (malattia trasmissibile meno avanzata), con una significativa riduzione del rischio di progressione del 47% nei pazienti con ALP inferiore a 100 UI/mL.

D’altro canto, non è stato osservato alcun beneficio sulla PFS nella popolazione generale.

Infine, il profilo di sicurezza di masitinib combinato con docetaxel era accettabile rispetto al gruppo di controllo.

“I risultati dello studio AB12003 indicano che la combinazione di macitinib e docetaxel può costituire una nuova opzione di trattamento di prima linea per i pazienti con carcinoma prostatico metastatico, resistente agli ormoni con basso coinvolgimento nelle metastasi. I risultati sono stati particolarmente notevoli in quanto per anni, sono stati condotti molti studi su molti degli studi “, ha affermato Michael Pavic. Uno dei ricercatori principali nello studio AB12003, il trattamento combinato con docetaxel ha fallito in questa indicazione.

READ  With the latest launch of Starlink, SpaceX sets a record for rapid reuse

dizionario

Studi clinici (fasi I, II e III)

Fase I: test di molecole su piccola scala nell’uomo per valutarne la sicurezza, la tollerabilità, le proprietà metaboliche e farmacologiche. Fase II: valutazione della tollerabilità e dell’efficacia su diverse centinaia di pazienti per identificare gli effetti collaterali. Fase III: valutazione del rapporto beneficio/rischio complessivo in diverse migliaia di pazienti.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *