A Napoli è stata dichiarata una guerra di affreschi di mafia

Nella città ai piedi del Vesuvio le mura sono adornate da numerosi disegni in onore del defunto. Il problema è che queste persone scomparse sono spesso uomini associati alla criminalità organizzata. Quindi le autorità decisero di rimuovere questi affreschi, ma la battaglia non era ancora vinta e non c’era consenso su questo.

Colorato, molto realistico, un po ‘comico, ma soprattutto molto visivo. Sia nei vicoli dei quartieri centrali che nelle maggiori arterie delle periferie cittadine, gli affreschi commemorativi dei dispersi sono onnipresenti a Napoli. “Questo non è qualcosa di completamente nuovo, Spiega il quotidiano di Torino stampa. Celebrare i propri cari defunti con ritratti o piccoli massacri di strada è una tradizione associata a una certa religione antica. La novità è che i volti che popolano sempre di più le strade cittadine sono i volti dei morti associati alla criminalità organizzata. Persone molto giovani, sono morte a causa di azioni illecite “.

Emmanuel Erico, Luigi Kayafa, Emmanuel Cibello, Ugo Russo e tanti altri, la lista è lunga. Ognuno di loro aveva un rapporto con la giustizia e tutti avevano diritto ad avere i loro dipinti murali, che ora sono minacciati (o già cancellati) dall’azione del governo.

Perché dall’inizio dell’anno, su istigazione del governatore, la città ha deciso in qualche modo di riprendere il controllo dello spazio pubblico. Pertanto, molti degli affreschi sono già stati rimossi dalle mura della città.

Emmanuel Erico, ad esempio, è stato ucciso il 26 aprile 2018, durante un conflitto armato tra gruppi criminali, o un conflitto di Luigi Kyafa, ucciso da un poliziotto a soli 17 anni mentre commetteva una rapina.

READ  Nel mondo di Andrea Bocelli | Rivista di Montreal

Sembra una storia

[…]

Benjamino Morante

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *