800 studenti sperimentano la scienza

800 studenti sperimentano la scienza

Con la sua veste di mostra divertente, è comunque un vero e proprio esperimento scientifico, uno dei 36 realizzati dagli studenti del MEEF (Teaching, Education and Training Professions) nell’ambito della 12a edizione di Do Science at School. L’evento, ieri, ha mobilitato 120 studenti e quasi 800 alunni di una ventina di scuole primarie del dipartimento.

Siamo qui per mostrare loro che la cosa più importante è portare avanti la loro idea.

Vulcano, robot, planetario, produzione di melma o come rendere la scienza più divertente e incoraggiare gli inviti fin dalla tenera età. conferma Yennanissie, studentessa CM1 presso la Alain-Fournier School di Angoulême. “L’ho adorato, in particolare l’esperimento del magnete. È davvero fantastico perché impari divertendoti.”. Accanto a lui, il suo mentore Anouk Fu sottolinea l’interesse per il lato straordinario dei workshop. “Permette ai bambini di interagire con la scienza. Anche se non capiscono tutto, potrò utilizzare questi divertenti esperimenti per affrontare questi concetti in classe”..

Oltre alla sua missione di promuovere la scienza nella scuola, la giornata funge da caso di studio per gli studenti del Master MEEF di La Couronne. L’organizzazione di eventi è parte integrante del percorso formativo di questi futuri insegnanti. “Da settembre li affianchiamo nella realizzazione di questo progetto, ma sono loro che hanno organizzato tutto”.Cecile LaLanne, coach di scienza e tecnologia, attesta, prima di aggiungere: “Ovviamente c’è stata un po’ di tensione negli ultimi giorni, ma siamo qui per far loro acquisire fiducia in se stessi e dimostrare che la cosa più importante è portare avanti la loro idea”..

All’evento hanno partecipato quasi 800 studenti provenienti da tutto il dipartimento.

Il piccolo Quentin

Per accogliere al meglio le 35 classi della scuola primaria, tutti i giovani sono stati mobilitati nella formazione. “Come studenti del secondo anno, ci siamo occupati dell’organizzazione e del coordinamento, ei nostri compagni di classe del primo anno guidano i laboratori, c’è un vero e proprio concetto di transizione tra di noi.hanno spiegato Celia Zorley e Marion Barbier, 23 anni, che oggi interpretano i direttori della comunicazione.

READ  Fantascienza | Concorso di scienze indù: per iscritto

Al loro fianco, Michel Bonsaz, 67 anni, ex allenatore, li osserva benevolo. “Per la maggior parte di loro, questa è la prima esperienza con i bambini. A volte hanno bisogno di un piccolo consiglio per condizionare il loro discorso, ma mostrano una grande volontà”. Successione garantita.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *