8 miliardi di persone sulla terra ma non tutti i paesi sono uguali. perché ?

È ufficiale, secondo le Nazioni Unite, il nostro pianeta ha 8 miliardi di persone. Ci sono voluti solo undici anni per passare da 7 miliardi di persone sulla Terra a 8 miliardi. Il numero è impressionante, ma nasconde le disparità tra i continenti. I numeri mostrano che la popolazione europea è in crescita, ma non tutti i paesi sono sulla stessa barca.

Nel 2011, i 27 paesi dell’Unione Europea avevano una popolazione di 440 milioni di abitanti. Dopo 11 anni siamo vicini ai 447 milioni, questi i dati di Eurostat, l’istituto europeo di statistica.

La prima osservazione che possiamo fare è semplice: in 11 anni l’Europa è cresciuta solo di 7 milioni di persone, mentre il resto del pianeta è cresciuto di 993 milioni.

E quindi questa cifra di 8 miliardi è soprattutto al di fuori dell’Europa, riguarda l’Asia e l’Africa, per non parlare del vecchio continente. 7 milioni in 11 anni non bastano. Ma soprattutto ci sono sfumature che qui, a casa, non riusciamo ad immaginare.

Il Belgio, ad esempio, ha visto la sua popolazione aumentare di 600.000 persone in 11 anni.

Possiamo elencare una serie di paesi in cui i numeri sono aumentati notevolmente:

3 milioni in Germania, 2 milioni in Francia, più di un milione in Svezia e circa 1 milione nei Paesi Bassi. Ma al contrario, e lo avete già capito, un certo numero di paesi ha registrato un calo significativo della popolazione, a volte molto significativo.

La Romania, per esempio, ha più di un milione di abitanti in meno. La popolazione della Bulgaria è di 530mila, la Polonia di oltre 400mila e l’Ungheria di circa 300mila. La Lettonia ha perso il 10% della sua popolazione in 11 anni. 10%.

Se dovessimo applicare questo sviluppo demografico in Belgio, significherebbe la completa scomparsa dell’intera popolazione di Bruxelles. A soli 11 anni, questo è stato piuttosto sorprendente.

Ci sono alcuni paesi in Occidente che soffrono anche di un calo demografico. Possiamo citare l’Italia, che ha perso 400.000 persone, e il Portogallo, 200.000. Ma c’è chiaramente una situazione molto preoccupante nell’ex blocco sovietico, anche nei paesi a noi più vicini come la Croazia.

READ  La Germania esorta l'Italia a salvare i migranti dal Mediterraneo

Questo declino demografico, negli ultimi 11 anni, è iniziato molto tempo fa, negli anni ’90, quando è caduta la cortina di ferro, quando l’Unione Sovietica si è disintegrata e gli ex paesi del blocco di Varsavia sono stati in grado di rimettersi in piedi.

Prendiamo l’Ucraina come esempio, ad esempio: all’inizio degli anni ’90, la popolazione dell’Ucraina era di circa 52 milioni. Nel 2021, prima della guerra, il numero degli ucraini era di soli 43 milioni.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.