3 consigli per il medico per evitare che diventi cronica

di base

  • 3 adulti su 10 soffrono di dolore cronico in Francia.
  • Il dolore è personale. Tuttavia, gli strumenti consentono di valutarlo. I questionari e le scale sul dolore offrono la possibilità di descrivere il dolore e misurarne l’intensità e l’impatto sulla qualità della vita.
  • Secondo l’indagine Ifop/Inserm/Ensemble contre les rhumatismes condotta nel 2016, più di 1 francese su 2 soffre di artrosi e un terzo delle persone di età compresa tra 18 e 24 anni soffre di dolori articolari.

Spalla, ginocchio, schiena, muscoli, articolazioni delle dita… Il dolore può insediarsi ovunque, soprattutto se non viene trattato. Sfortunatamente, questo accade spesso.

“Le persone possono trascurare l’occasionale grave dolore legato all’età e imparare a conviverci”.afferma il dottor Edgar Ross, MD, medico presso il Pain Management Center del Brigham and Women’s Hospital, una struttura di Harvard.

“Ma ignorare qualsiasi livello di dolore spesso porta a problemi più seri che sono difficili da trattare e gestire”.si lamenta l’esperto.

Quando si parla di dolore cronico?

Il dolore acuto è solitamente il risultato di danni ai tessuti del corpo. Ciò può derivare da un trauma fisico come un infortunio sportivo, una frattura, una procedura medica o persino un incidente domestico come urtare un dito del piede o tagliarsi. Questo dolore di solito scompare entro pochi giorni o poche settimane al massimo.

Si parla di dolore cronico quando è presente da almeno due mesi, molto tempo dopo che l’infortunio o la malattia sono guariti. I suoi sintomi e la gravità variano da persona a persona. È simile a dolore sordo, bruciore, ferite lancinanti, sensazione di scossa elettrica, formicolio o intorpidimento.

“Il dolore cronico può essere correlato a danni ai tessuti o a infiammazioni in corso, come nel caso dell’artrite. Spesso, tuttavia, segnali di dolore persistenti provengono dal cervello, anche quando il dolore nocicettivo è scomparso. Il cervello si è ricablato per sentire il dolore. ” Anche quando non c’è coinvolgimento attivo nei tessuti del corpo.lui spiega Harvard sul suo sito web.

Come fermare il dolore prima che diventi cronico?

Senza un’adeguata attenzione e cura, il dolore acuto può diventare cronico. Il Dr. Edgar Ross condivide 3 suggerimenti per impedire che continui:

  1. Chiedere aiuto: le lesioni possono trasformarsi in un problema in corso perché il paziente non ha affrontato il problema rapidamente. “Le persone pensano di poterci convivere o cambiare il proprio stile di vita per far fronte al dolore, quindi non ricevono il trattamento giusto”.spiega l’operatore sanitario.
  2. Superare la paura del trattamento: Parfois, les genders ont besoin de mouvements réguliers, d’exercices ou de thérapie physique dans le cadre du traitement de leur douleur aiguë, mais comme cela peut faire mal ou être inconfortable à faire, ils l’vitent. condition”avverte il medico.
  3. Non ignorare il dolore: il modo migliore per evitare che il dolore acuto diventi cronico è affrontarlo direttamente. “Non ignorarlo. Consulta un medico e segui un’appropriata gestione del dolore, che si tratti di terapia del calore e del ghiaccio, terapia fisica, farmaci, riposo o una combinazione di questi”.Il dottor Ross consiglia. Più a lungo il dolore acuto persiste senza un trattamento adeguato, più è probabile che diventi cronico.Aggiunge.






















READ  Web di scienze tecniche: celebrare la scienza

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *