19:30 Media: perché la stampa estera odia Emmanuel Macron? – Quotidiano

19:30 Media: perché la stampa estera odia Emmanuel Macron?  – Quotidiano

Dopo la riforma del sistema pensionistico e le sue dichiarazioni su Cina e Taiwan, accolte con aspre critiche, la popolarità internazionale di Emmanuel Macron è precipitata. I media stranieri hanno seguito da vicino il movimento contro la riforma delle pensioni, notando un reale indebolimento del presidente francese. Ma ciò che la stampa estera non perdona a Emmanuel Macron sono soprattutto i suoi commenti su Taiwan dopo la sua visita di Stato in Cina. Il capo dello Stato aveva dichiarato che non era necessario approfondire la “logica di blocco dell’ostruzione” su Taiwan e che l’Europa non doveva essere “subordinata” e schierarsi con gli americani, profondamente preoccupati per le pretese della Cina su Taiwan. Queste dichiarazioni hanno provocato un vero e proprio terremoto in Francia e all’estero, soprattutto in Germania dove i giornalisti sono spietati con Emmanuel Macron, arrivando addirittura a definirlo “lo statista più pericoloso d’Europa dopo Vladimir Putin”. Dall’inizio del 2023, l’Italia sta affrontando un afflusso di migranti, con più di 30.000 migranti che arrivano sulle coste italiane, mettendo a rischio la propria vita, 4 volte di più rispetto allo scorso anno. Il governo di estrema destra della Georgia Meloni ha deciso di dichiarare lo stato di emergenza per un periodo di 6 mesi. Questa misura consentirà all’Italia di aumentare la propria capacità di accoglienza ma anche di attirare l’attenzione dell’Europa. Se la migrazione era la battaglia di Giorgia Meloni e nel 2019 aveva promesso di costruire muri per arginare i flussi migratori, oggi si ritrova impotente di fronte a centinaia di migranti che arrivano ogni giorno. Tuttavia, il suo governo era ancora ostile all’arrivo degli immigrati nella società italiana: il suo ministro dell’Agricoltura metteva in guardia contro la sostituzione etnica degli italiani con gli immigrati. Nel frattempo, 440 migranti sono morti nel tentativo di raggiungere le coste italiane dall’inizio dell’anno. Vladimir Kara-Murza, uno dei principali oppositori di Vladimir Putin, è stato condannato alla pena più dura dall’inizio della guerra in Ucraina. Questo ex giornalista freelance russo-britannico è stato condannato a 25 anni di carcere per “alto tradimento” lunedì 17 aprile dopo giorni di processo a porte chiuse. I paesi occidentali hanno condannato all’unanimità questo verdetto, così come il primo oppositore di Vladimir Putin, Alexei Navalny, anch’egli in prigione da diversi mesi. La famiglia di Vladimir Kara-Murza si oppone da anni a Vladimir Putin. Suo padre ha fondato il canale televisivo indipendente NTV nel 1993 e ha lavorato per molti altri media gratuiti. Suo figlio ha preso il sopravvento colpendo le dichiarazioni di opposizione a Vladimir Putin, guadagnandosi due tentativi di avvelenamento. È tornato in Russia l’11 aprile 2022 dopo la sua esplicita condanna dell’invasione dell’Ucraina, denunciando in particolare il “regime omicida” di Vladimir Putin, che ha portato al suo immediato arresto. Vladimir Putin ha visitato per la prima volta dall’inizio del conflitto le zone dell’Ucraina parzialmente occupate dai militari russi. Questo è Kherson e Lugansk nel sud e nell’est del paese. Le immagini di Vladimir Putin che incontra i soldati dell’esercito russo vengono riprese dai canali della TV di stato per avviare un massiccio processo di reclutamento nell’esercito. Il Ministero della Difesa ha rilasciato un film epico volto a convincere i russi ad arruolarsi. Secondo un documento ufficiale russo trapelato di recente, almeno 750.000 soldati russi sono andati a combattere in Ucraina dall’inizio della guerra, più del numero totale di soldati russi mobilitati in 10 anni di guerra in Afghanistan. Negli Stati Uniti è iniziato il duello comunicativo tra i due principali candidati alla nomination repubblicana, Donald Trump e Ron DeSantis. Il governatore della Florida Ron DeSantis ha notevolmente attaccato la volontà dell’ex presidente degli Stati Uniti di riconsiderare la libertà di portare armi in uno dei luoghi della sua campagna. Quanto a Donald Trump, non ha esitato a deridere apertamente il suo avversario. In una recente campagna pubblicitaria, l’ex presidente ha scelto di mostrare un uomo che intinge tre dita nelle caramelle in un cenno a una voce secondo cui Ron DeSantis ha immerso le dita nelle caramelle durante un viaggio in aereo quattro anni prima.

READ  Calcio - Italia - L'Inter batte l'Atalanta e tiene il passo con la Serie A italiana

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *