Non solo teste di serie

Il ritorno della Spal: in serie B dopo 23 anni, dai tempi di Mazza e Fabbri ai tifosi vip

29 Aprile 2016

di Lorenzo Pulcioni

Ha uno dei nomi più curiosi, e per questo anche più famosi, del calcio italiano. Un acronimo che sta per Società Polisportiva Ars et Labor. Quella squadra dal nome così particolare, S.P.A.L., che nonostante ciò tutti sanno che è di stanza a Ferrara, e che forse per la peculiarità del nome o chissà che altro vanta tanti tifosi eccellenti, ha riconquistato la serie B dopo 23 anni.

Chi non ricorda l'outing del mitico Everardo Della Noce in collegamento con "Quelli che il calcio" di Fazio-Beldì ricordare che la sua squadra del cuore era la Spal. Lo stesso Beppe Severgnini ne ha più volte raccontato la romanticità, così come Francesco Guccini ha sempre diviso il suo cuore tra la Pistoiese e i biancazzurri di Ferrara. Il comico Marcello Cesena è un altro tifoso eccellente, così come due stimato giornalisti Rai del calibro di Enrico Testa e Filippo Vendemmiati. Paolo Rossi, il comico, è di nota fede interista, ma pure lui (come Severgnini) si è detto più volte simpatizzante dei biancazzurri a righe strette. Si può andare avanti all'infinito, dall'imitatore Ubaldo Pantani alla stella del cinema a luci rosse Sexy Luna, ma forse è meglio che ci fermiamo qui...

Ne parliamo perchè in fondo se c'è una squadra "da Bar Sport", nell'accezione nobile e filosofica del termine, è proprio la S.P.A.L. Nata nell’ambito di un oratorio salesiano ferrarese nel 1907, che alle discipline di atletica e ciclismo affiancò nel 1912 anche il calcio. Negli anni Trenta si chiamò per un breve periodo “A.C. Ferrara”, per tornare poi a chiamarsi S.P.A.L. nel secondo dopoguerra. In serie A per tutti gli anni '50 e buona parte del decennio successivo, grazie a un gioco spumeggiante e la sapiente guida del presidente Paolo Mazza e di Gian Battista Fabbri in panchina. Bestia nera delle big del campionato italiano, fucina di tanti talenti scoperti, lanciati e poi rivenduti a peso d'oro alle grandi squadre, i più famosi Armando Picchi e Fabio Capello. Un'altra dote di Paolo Mazza era quella di acquistare a basso prezzo giocatori scartati da altre squadre e rivalutarli nella propria formazione con ottimi risultati.

Negli ultimi anni la S.P.A.L. ha conosciuto il triste declino di altre nobili decadute: in pesante crisi finanziaria nel 2005 culminata col cambio di proprietà e di nome, subì un altro dissesto nel 2012 tanto che fu costretta, per sopravvivere, alla fusione con la piccola Giacomense, divenuta intanto prima squadra di Ferrara. Poi, come nelle migliori favole, ecco la rinascita. Lunga vita alla S.P.A.L. e alle squadre da Bar Sport.

Prime pagine di oggi

Ti consigliamo

Non solo teste di serie

Il miracolo di De Biasi: Albania per la prima volt

Gianni De Biasi scrive la storia con l'Albania, portandola direttamente agli Europei in Francia senza passare per i play-off. La squadra del ct italiano ha vinto 3-0 in Armenia prendendosi così il secondo posto ai danni della Danimarca e centrando una qualificazione mai raggiunta nella storia. Partita decisa dall'autogol di Hovhannisyan al 9', e dalle reti di Xhimshiti al 23' e Sadiku al 76'. Fanno festa anche gli ex laziali Cana, capitano, e Berisha.

12 Ottobre 2015

Non solo teste di serie

Lo spirito del Grande Torino rivivrà nel Nuovo Fil

Sono attesi almeno 3000 tifosi granata alla posa della prima pietra che sancirà l'inizio dei lavori di ricostruzione dello stadio Filadelfia.

12 Ottobre 2015

Non solo teste di serie

Immagini da Bar Sport dai ritiri delle squadre di

Piovono come se non ci fosse un domani immagini da Bar Sport dai ritiri delle squadre di serie B. Dopo il burraco dei giocatori del Lanciano, ecco la "navetta" per i trasferimenti dei giocatori del Cagliari e il selfie di quelli del Latina davanti un negozio tipico in quel di Cascia. È decisamente il tipo di calcio che piace a noi del Bar Sport.

19 Luglio 2015

Non solo teste di serie

Bentornato Bologna, arrivederci Parma

Doccia fredda, freddissima.

10 Giugno 2015

Non solo teste di serie

Se Cenerentola è destinata a diventare regina: il

Il Leicester di Claudio Ranieri si è portato a +7 sul Tottenham a sei giornate al termine della Premier League. Un sogno sempre più vicino quello dei Foxes. Diciamocela tutta, è un po' il sogno di tutti noi...

5 Aprile 2016

Non solo teste di serie

Budimir segna ancora e il Crotone è a un passo dal

A Crotone il cielo è sempre più blu, anzi rossoblu. Una delle colonne sonore che va per la maggiore all'Ezio Scida è proprio la celebre canzone di Rino Gaetano, che era proprio di origine crotonese. Motivi per festeggiare

2 Aprile 2016