Non solo teste di serie

Eroi per caso: i Leoni Indomabili e il ct scelto via internet

6 Febbraio 2017

di Lorenzo Pulcioni

Hugo Broos, con quel nome, sembra un marchio tarocco che scimmiotta un rinomato brand di moda. Ma invece che "made in China" il ct del Camerun è totalmente "made in Belgium" e si sa che calcisticamente quella terra è una garanzia. E' da lì che viene l'eroe per caso del Camerun, il ct capace di portare la Nazionale dei Leoni Indomabili sul tetto della Coppa d'Africa contro ogni pronostico. Lui, che fu scelto come allenatore, dopo aver risposto a un bando pubblicato su internet.

Certo, il blasone non manca alla squadra del continente nero che per prima stupì il mondo occidentale del calcio. Era il Mundial di Spagna, che noi ricordiamo bene, delle uscite a una mano di Thomas N'Kono e di Roger Milla (protagonista anche a Italia '90 a 38 anni suonati). Per non parlare poi di un certo Samuel Eto'o. Ma il Camerun non vinceva la Coppa d'Africa da 15 anni e in Gabon ci era arrivato con ben 8 giocatori che avevano rifiutato la convocazione per rimanere nelle loro squadre europee. Tra i pochi ad aver accettato la convocazione i due che sono stati decisivi ribaltando il risultato nella finale contro l'Egitto di Salah: N'Koulou e Aboubakar.

Nel girone eliminatorio, il Camerun si era classificato secondo dopo un pari contro la Burkina Faso (1-1), una vittoria in rimonta contro la Guinea-Bissau (2-1) e un pari contro il Gabon padrone di casa (0-0). Superato il Senegal nei quarti ai calci di rigore, il Camerun ha poi superato in semifinale il favorito Ghana (2-0). Insieme a quella dello Zambia nel 2012, quella del Camerun è la più bella favola espressa negli ultimi anni dalla Coppa d'Africa. Ricorda da lontano (molto da lontano) l'impresa della Danimarca agli Europei del '92. Da lontano solo perchè i Leoni Indomabili hanno diverso blasone e sono comunque la storia del calcio africano.

Ma esattamente come il danese Moller Nielsen, costretto ad assemblare una squadra in fretta e furia facendo i conti con il 'no' di Michael Laudrup, anche il ct venuto dal Belgio ha fatto di necessità virtù. Creando un gruppo granitico e ricordandosi che forse anche lui era lì un po' per caso, avendo risposto un anno prima ad un bando presentato via internet dalla federazione che cercava il nuovo allenatore. I Leoni Indomabili sono usciti alla distanza, schiantando fisicamente l'Egitto nel secondo tempo e vincendo in rimonta la finale. Triste epilogo per Hector Cuper, ct dei Faraoni, per l'ennesima volta sconfitto nell'atto decisivo.

 

Prime pagine di oggi

Ti consigliamo

Non solo teste di serie

Immagini da Bar Sport dai ritiri delle squadre di

Piovono come se non ci fosse un domani immagini da Bar Sport dai ritiri delle squadre di serie B. Dopo il burraco dei giocatori del Lanciano, ecco la "navetta" per i trasferimenti dei giocatori del Cagliari e il selfie di quelli del Latina davanti un negozio tipico in quel di Cascia. È decisamente il tipo di calcio che piace a noi del Bar Sport.

19 Luglio 2015

Non solo teste di serie

Happy birthday Sheffield FC, primo club di calcio

Oggi è il compleanno di mia mamma, ma anche di qualcun altro decisamente più in là con l'età. Esattamente 159 anni fa nasceva il primo claub calcistico al mondo

24 Ottobre 2016

Non solo teste di serie

Il derby umbro Perugia-Ternana match clou di serie

Una partita sentitissima dall'intera regione, che da sempre si divide in tifosi (e simpatizzanti) dei biancorossi e rossoverdi. Sono 45 le gare ufficiali giocate a Perugia

16 Settembre 2016

Non solo teste di serie

Vicenza-Bari: quando i veneti erano lanciati verso

Sfida tra biancorossi al Menti: il Vicenza è partito male con due sconfitte, il Bari ha riscattato a Perugia il passo falso interno col Cittadella. I precedenti illustri

9 Settembre 2016

Non solo teste di serie

Quante occasioni a costo zero: il mercato degli sv

Sono ben 63 i calciatori senza contratto che si allenano a Coverciano nella speranza di trovare squadra. In giro per l'Europa tanti altri big che potrebbero essere appetibili

19 Luglio 2016

Non solo teste di serie

Budimir segna ancora e il Crotone è a un passo dal

A Crotone il cielo è sempre più blu, anzi rossoblu. Una delle colonne sonore che va per la maggiore all'Ezio Scida è proprio la celebre canzone di Rino Gaetano, che era proprio di origine crotonese. Motivi per festeggiare

2 Aprile 2016