Nel pallone

Calcio oltre i confini, il Mondiale può unire le due Coree

17 Giugno 2017

Per ora è solo una boutade che il presidente della Corea del Sud, Moon Jae-in, ha buttato lì al capo della Fifa, Gianni Infantino. "L'organizzazione congiunta di un Mondiale tra Corea del Nord e Corea del Sud aiuterebbe a promuovere la pace" ha detto Moon al numero uno del calcio mondiale. Che sulle prime è caduto dalla sedia poi ha cercato di riprendersi con le classiche risposte diplomatiche. Vero è che dopo il Mondiale 2018 nella Russia al centro sempre di mille polemiche e soprattutto dopo quelli 2022 in Qatar che al momento non è proprio il paese con meno problemi del mondo, ci mancava solo di proporre (per il 2030) che toccasse al calcio unire ciò che anni di politica, diplomazia e guerre non sono mai riuscite a unire. L'agenzia coreana Yonhap riferisce che il presidente della Fifa ha riconosciuto che probabilmente ci sarebbero alcune "difficoltà": ma che comunque l'idea "può essere un messaggio molto forte". Pure l'edizione 2026 non scherza con gli Stati Uniti che, in barba alla politica sbandierata da Trump, portano avanti la loro candidatura insieme a Canada e Messico. Al di là delle battute finanche troppo facili, quando Moon parla di Nord Est Asiatico si sa benissimo a che cosa pensando: la Cina. Non è un mistero che il paese della muraglia rappresenti la nuova frontiera del calcio mondiale. Citare Milan e Inter sarebbe fin troppo facile. La sfida sarebbe mettere nel calderone, oltre alle due Coree, pure il Giappone. È dal 1948 che le due Coree si sono separate calcisticamente, mentre si separava il paese: una rivalità, dunque, che precede la guerra scoppiata nel 1950 e finita nel 1953 senza neppure la firma di un trattato di pace. Per noi italiani del Bar Sport, il pensiero va subito alla clamorosa eliminazione ai Mondiali 1966 contro la Corea del Nord di Pak Doo-ik e alla nefasta performance di Byron Moreno nel 2002 contro la Corea del Sud di Ahn Jung Hwan. Se è vero che non c'è due senza tre, bisogna già tremare...

Prime pagine di oggi

18 Agosto 2017

Ti consigliamo

Dal campo

Danimarca mina vagante prima avversaria degli Azzu

Parte stasera l'avventura degli Azzurrini di Di Biagio agli Europei Under 21 in Polonia. Primi avversari saranno i danesi che in fase di qualificazione hanno asfaltato le avversarie

18 Giugno 2017

Nel pallone

Un'estate "senza pensieri" prima del grande match

Scrivere correttamente Liechtenstein senza l'uso di Google è molto meno difficile dell'impresa che spetta alla Nazionale di Ventura: battere la Spagna in casa sua il 2 settembre

12 Giugno 2017

Nel pallone

Ventura e Allegri restano, la figuraccia post-Juve

Hanno detto "no, grazie" alle sirene Allegri e Ventura. Mentre la stampa italiana dà il peggio di sè prima e soprattutto dopo la disfatta della Juventus contro il Real Madrid

7 Giugno 2017

Nel pallone

La struggente lettera di Davide Nicola al figlio s

Le toccanti parole della lettera che Davide Nicola, allenatore del Crotone, autore della miracolosa salvezza, scrive al figlio Alessandro, scomparso in un incidente nel 2014

31 Maggio 2017

Nel pallone

Dalla prima coppa al ritorno in A, il DNA fattore

Il 18 maggio 1977 una Juventus tutta italiana vinceva la sua prima coppa europea. Il 19 maggio 2007 dopo Calciopoli la squadra bianconera ritrovava la Serie A. Cosa è cambiato?

18 Maggio 2017

Nel pallone

Moggi riparte dall'Albania: farà il consulente di

Dopo Cassano che minaccia il ritorno, un altro ritorno è già fatto anche se non in Italia per ovvi motivi. Luciano Moggi, radiato dal calcio italiano, riparte dall'Albania

28 Aprile 2017