Caffetteria

Ducati Scrambler, ora arriva anche il ristorante

26 Gennaio 2017

È da oltre mezzo secolo (per la precisione, dal 1962) che il nome Scrambler fa la sua comparsa nei cataloghi di produzione della Ducati, riscuotendo subito grande successo. Oggi, il binomio rappresenta una sorta di realtà inscindibile, al punto da essere declinato in una serie davvero innovativa di versioni, in grado di accontentare tutta la platea di appassionati di due ruote.

Una nuova variante. Se, infatti, sul finire dell’anno scorso era stata presentata la variante cafè racer, che portava a cinque il numero complessivo di modelli prodotti (aggiungendosi agli Scrambler 800 Icon, Classic, Full Throttle e Urban Enduro, uscita però di produzione proprio al termine del 2016), il 2017 ha visto il lancio di un nuovo esemplare, destinato agli amanti di polvere e scossoni. Parliamo della Desert Sled (letteralmente, slitta del deserto), una Ducati Scrambler con sospensioni dalla lunga escursione, telaio rinforzato, ruote tassellate e cerchio anteriore da 19", che ben poco in realtà condivide con le sue “sorelle”.


foto scramblerducatifoodfactory.it

Si allarga la famiglia. I dettagli estetici sono molto curati, a cominciare dai cerchi dorati e dal serbatoio a goccia con guance color alluminio; proprio quest’ultimo componente, insieme al motore (il bicilindrico da 803 cc, ora catalogato Euro4), sono i tratti comuni con la gamma Scrambler di base. Per la verità, forse sono gli unici aspetti “familiari”, perché per il resto questa Ducati Desert Sled è una moto del tutto nuova, a partire dal concept di guida (in piedi, proprio come si fa una enduro vera) e passando per sospensioni e distribuzione dei pesi, tutte pensate e attrezzate per compiere il loro (sporco) mestiere.

Bilanci positivi. Che il trend della Ducati sia assolutamente positivo lo confermano anche i consuntivi delle vendite aggiornati alla fine del 2016, che si è chiuso ancora in crescita (settimo anno consecutivo), “confermando la validità della strategia e delle capacità del gruppo di lavoro di Borgo Panigale”, come commentato dall’Amministratore Delegato Ducati Motor Holding, Claudio Domenicali. Gli fa eco Andrea Buzzoni, Global Sales and Marketing Director della società, che spiega come “il 2016 non rappresenti soltanto un nuovo record di vendita, ma il consolidamento dell’importante espansione dei volumi avvenuta nel 2015, anche grazie all’introduzione del brand Scrambler”.

Soluzioni per la customizzazione. Ovviamente, un ampliamento della gamma ha portato anche alla produzione di una serie di importanti novità dal mondo dell’aftermarket per le due ruote, come si può vedere ad esempio sulla pagina che il rivenditore online Omniaracing.net dedica agli accessori Ducati Scrambler: dagli specchietti ai terminali per manubrio, dai serbatoi alle protezioni per freni, dai bauletti alle pompe e pinze freno, non c’è praticamente limite alle possibilità di personalizzare la proprio moto uscita da Borgo Panigale.

Arriva il ristorante. E un’ulteriore spinta all’immagine del brand potrebbe arrivare … dalla cucina! È stato infatti inaugurato agli inizi di quest’anno il primo Scrambler Ducati Food Factory, che ha aperto i battenti a Bologna, all’interno di un vecchio capannone degli anni Cinquanta, e che rappresenta la nuova frontiera della promozione del marchio italiano e del suo concept.


foto scramblerducatifoodfactory.it

Una filosofia anticonformista. Il ristorante, infatti, rappresenta un connubio ideale tra motori, cibo, musica, arti visive e voglia di socializzare, ed è dedicato non solo ai centauri e agli appassionati del brand, ma anche a tutti coloro che amano la filosofia del divertimento sostenibile e anticonformista, incarnata proprio dalla linea Scrambler, che non a caso accoglie i clienti con una moto messa appunto in vetrina.

Alessia Baldassarre

 

Ti consigliamo

Caffetteria

Il torrone fatto in casa: la ricetta del Bar Sport

Dopo la ricetta di un dolce tipico, il pampepato ternano, Bar Sport vi insegna come fare in casa un altro dolce della tradizione, il meno celebrato eppure immancabile

22 Dicembre 2016

Caffetteria

Serra Hub, cinque ragazzi per un bar creativo e so

Cibo sano e autoprodotto, buona musica, un ambiente originale e accogliente, arredato con oggetti riciclati

10 Dicembre 2016

Caffetteria

Il caffè diventa biologico e il cappuccino con lat

Le ultime tendenze da Osserva Italia

21 Agosto 2016

Caffetteria

Progetto Songwa: nelle piantagioni di caffè insiem

Quarto appuntamento del reportage in sei puntate di Barsport.net sull'azienda toscana La Marzocco, eccellenza italiana nel mondo nella produzione delle macchine da caffè

22 Luglio 2016

Caffetteria

Alla scoperta de La Marzocco, Handmade in Florence

L’azienda glocal che dalle campagne fiorentine è arrivata in tutto il mondo

11 Luglio 2016

Caffetteria

Cibo fusion: da sushi e hamburger ecco il sushibur

Due polpette compatte di riso al posto del panino burroso, all'interno invece che carne, insalata, bacon, pomodoro, cipolla e quant'altro, salmone e avocado, tonno e wasabi, pollo teryaki e manzo con salse.

13 Aprile 2016